Ecco perché non possiamo dare il buy ufficiale

Ieri, a margine dell’aggiornamento di portafoglio, evidenziavamo come ci fossero alcuni bond interessanti in fase di valutazione per utilizzare la liquidità residua, e in particolare – con un po’ di rammarico – anticipavamo che probabilmente avremo escluso dai candidati il nuovo bond Deutsche Telekom, poiché su ExtraMOT di fatto non è negoziabile.

Il titolo in questione è la nuova emissione di Deutsche Telekom (XS1617898363), collocata per un ammontare c.d. benchmark (750 Mln Euro), con cedola annuale all’1,125% e lotto minimo 1.000 Euro. Il bond è senior, non callable e rimborsa in unica soluzione a scadenza il 22 maggio 2026. In ottica di diversificazione e rapporto rischio/rendimento era un’ottima opportunità anche per il retail (e quindi per il nostro portafogli a Rischio Contenuto), poiché la compagnia telefonica tedesca (presente sul mercato internazionale con molti bond, ai quali tuttavia non è semplice accedere a causa dei lotti minimi da 50/100 mila Euro), gode di rating investment grade ma soprattutto ha CDS a 10 anni in area 70 bps. Cioè, a parità di Paese (Germania) offre un rendimento doppio rispetto ai governativi di pari scadenza e senza particolari rischi aggiuntivi, poiché come si sa la società rappresenta il principale gruppo di telecomunicazioni della Germania ed è controllata direttamente dallo Stato per il 14,3% e per il 17,4% dalla banca KfW, sempre sotto controllo statale.

Il titolo, oltre ad essere trattato OTC, è entrato in negoziazione anche su ExtraMOT che è il mercato di riferimento di fatto per il retail e per chi segue questa rubrica. Tuttavia, la situazione sul book del nostro mercato “regolamentato” è fuori da ogni logica con scambi ridotti a zero e spread bid/ask 99,70 – 102,80 come si vede anche dall’immagine qui sotto che riporta, tra l’altro, il confronto impietoso con il mercati OTC decisamente più efficienti (alla faccia di chi si ostina a sostenere i contrario…) quotando spread bid/ask piuttosto omogenei e ragionevolissimi.

Siamo quindi nella sgradevolissima condizione di non poter dare il buy ufficiale su questo ottimo titolo, poiché non possiamo sapere quanti di voi eventualmente potrebbero negoziare OTC, bypassando a piè pari il tentativo – molto probabilmente vano – di essere eseguiti in denaro su ExtraMOT ad un prezzo accettabile. DI fatto ci troviamo al paradosso che vede un mercato “regolamentato” quotare spread nell’ordine del 3% a fronte di una serie di mercati OTC che quotano uno spread medio dello 0,25%.

Altro motivo per cui ci asteniamo – con grande disappunto – dal buy ufficiale è che se suggerissimo di colpire la lettera a 102,80 vi faremo ottenere un YTM dello 0,59% a fronte di un YTM di 0,82% ad un prezzo MID OTC di 100,18. Cioè, a 0,59% saremo a poco più di un governativo tedesco, mentre a 0,82% siamo di fatto al doppio di rendimento. Pertanto, se qualche abbonato vorrà e potrà procedere autonomamente ben venga, ma il titolo non sarà inserito in portafoglio essendo questa obtorto collo solo una segnalazione.

Ad ogni buon conto, non ci disperiamo: abbiamo altri titoli sotto osservazione che sono dei buoni candidati per cui faremo a meno senza particolari problemi di questa DT, salvo un certo profondo disgusto…

Nessun commento

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 3 giorni!

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento

Gli ultimi articoli di Redazione Rischio Contenuto