Decessi 2020 e Decessi 2021 a Confronto: Un paio di domande per capire meglio perché sembra che i conti non tornino… almeno fino ad oggi.


Proviamo a fare un semplice ragionamento matematico/logico, ovvero andiamo a confrontare i decessi ufficiali per covid-19 del 2020, post eliminazione delle restrizioni, con i decessi del 2021 e vediamo cosa ci dicono i numeri.

Cercheremo di riportare solamente i fatti, senza opinioni.

Ricordando che il 18 maggio del 2020 sono state eliminate anche le ultime restrizioni partite il 9 marzo 2020, andiamo a confrontare i dati del 2020 con quelli del 2021 a partire appunto da questa data.

C’è da fare una ulteriore precisazione però, ovvero che a maggio 2020 e fino a ottobre 2020 non c’era la limitazione del coprifuoco, misura che invece è stata presente appunto da ottobre 2020 fino al 21 giugno 2021.

Intervallo 18 maggio 2020 – 17 giugno 2020:  2.540 decessi

Intervallo 18 maggio 2021 – 17 giugno 2021:   2.890 decessi

Guardiamo ora l’intero mese di giugno (fino al 26):

1 giugno 2020 – 26 giugno 2020: 1.293 decessi

1 giugno 2021 – 26 giugno 2021:  1.330 decessi

Come vediamo i morti dei due periodi sono praticamente gli stessi anzi quest’anno (2021) con tutte le vaccinazioni abbiamo avuto un numero di morti superiore a quello dell’anno scorso quando non c’era il coprifuoco e non era stato inoculato nessun ‘vaccino’.

Si pongono allora almeno un paio di domande:

1 – il coprifuoco, misura tanto sbandierata per la sua utilità nella riduzione dei morti, non ha avuto nessun beneficio visto che i morti di quest’anno sono superiori a quelli dell’anno scorso

Qualcuno ci può spiegare l’utilità del coprifuoco?

2 – ‘Vaccino’: come mai con più di 49.000.000 (quarantanove milioni) di dosi somministrate (al 26 giugno 2021) la mortalità è superiore a quella dell’anno scorso quando non c’erano i vaccini e non c’era il coprifuoco?

Inoltre, c’è da considerare che la categoria degli ultra-ottantenni (quelli che in pratica si sono dimostrati essere i più fragili e che hanno una letalità altissima, secondo i dati dell’istituto superiore di sanità) è già stata praticamente tutta vaccinata con entrambe le dosi da molte settimane.

In queste condizioni come è possibile che la mortalità non sia crollata? Come è possibile che sia addirittura aumentata?

Ricordo che i produttori dei ‘vaccini’ (ma per essere precisi sarebbe meglio chiamarli terapie geniche: ricordo che in un vaccino tradizionale si prende il virus lo si ‘depotenzia’ e lo si inocula, qui la tecnica è completamente diversa e mai usata in passato) hanno sostenuto un’efficacia maggiore al 90% con due dosi e maggiore del 70% con una sola dose.

Sono domande che non sento porre ai virologi che vediamo ogni giorno sul mainstream, eppure sono le più semplici, banali, ma credo anche le più importanti perché se portiamo il dibattito nei mille rivoli di tutte le problematiche di cui si parla perdiamo di vista il vero problema.

Riportiamo sotto le curve dei decessi del periodo maggio-giugno 2020 e maggio-giugno 2021 e la curva che ci saremmo aspettati nel 2021, ma che non c’è stata, se l’efficacia dei vaccini somministrati fosse stata del 90% del 70% o solo del 50%

La curva in verde, in tutti i tre grafici di sopra, riporta la riduzione dei decessi, avuti nel 2020, del 90%, del 70% e del 50%. Ovvero sono le curve che verosimilmente ci saremmo dovuti aspettare quest’anno (2021), ma che non ci sono state, dopo le dichiarazioni dell’efficacia dei vaccini da parte dei produttori.

Come si può vedere, in tutti i casi, la curva dei decessi che avremmo dovuto avere dopo i vaccini è estremamente distante da quella che in effetti abbiamo avuto nel 2021 dove i decessi (curva rossa), ricordiamolo sempre, sono stati superiori a quelli avuti nel 2020.

Essendo questo un virus stagionale, tipo influenza, sappiamo che d’estate la diffusione, il contagio e soprattutto l’incidenza dei morti è praticamente nulla, infatti l’anno scorso, 2020, da luglio a fine settembre la mortalità è stata bassissima come testimonia la curva sotto riportata (dati ufficiali presi dal sito ilsole24ore).

Probabilmente la mortalità per covid-19 nel periodo luglio-settembre potrebbe essere paragonata a quella dell’influenza, ma ora non ho dati a riguardo.

                              Decessi luglio – settembre 2020 – fonte ilsole24ore

Da fine settembre/inizio ottobre, con il ritorno al lavoro di tutti e soprattutto con l’inizio delle scuole, lo spostamento di milioni di persone nelle fasce orarie più critiche e la carenza ormai endemica di mezzi di trasporto, il contagio aumenta e quindi anche l’incidenza dei morti come testimoniato dalla curva sopra riportata riferita all’anno scorso, ovvero al 2020 (dati presi dal sito ilsole24ore)

Ci si aspetta quindi che nei prossimi mesi di luglio, agosto e settembre la mortalità sia a livelli bassissimi ovvero come l’anno scorso (2020), a prescindere dai ‘vaccini’. Questo lo sappiamo e lo abbiamo visto già l’anno scorso. Senza vaccini decessi praticamente annullati.

La vera prova però sull’efficacia (dell’efficienza magari ne riparleremo) effettiva e reale dei ‘vaccini’ l’avremo a partire da ottobre del 2021 quando secondo le stime del governo avremo raggiunto più della percentuale della popolazione minima coperta da vaccino che ci si era prefissati.

Come testimoniato anche sul sito de ilsole24ore siamo più che in linea con le previsioni del governo, quindi da questo punto di vista stiamo procedendo molto bene e spediti.

                                   Vaccini inoculati giornalmente - Fonte dati ilsole24ore

In quel momento potremo verificare se effettivamente questa enorme sperimentazione (che finirà nel 2022) che si sta facendo sulla popolazione avrà avuto gli effetti dichiarati dalle case farmaceutiche.

In altre parole, dovremmo vedere la curva dei decessi sotto riportata abbattersi del 90%.

Decessi ottobre 2020 – aprile 2021 – fonte ilsole24ore

Facciamo tutti il tifo, visto che siamo anche in periodo di europei di calcio, affinché ciò avvenga ma al momento, come abbiamo dimostrato con i dati ufficiali di maggio e giugno, purtroppo la riduzione della mortalità promessa dalle case farmaceutiche non c’è stata, anzi.

Ci auguriamo tutti che ciò avvenga almeno nell’autunno prossimo altrimenti questo grande esperimento non avrà avuto successo e avremo solo vaccinato milioni di persone in Italia e miliardi nel mondo inutilmente.

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 7 giorni!