Azionario USA: gran bel rimbalzo, ma anche gli indici italiani.....

Nonostante i dati sui nuovi occupati non agricoli del settore pubblico e privato in USA di venerdì scorso siano usciti più bassi del previsto e la “querelle” sui dazi USA-Cina,  ciò non ha impedito ai mercati azionari internazionali di aprire la seduta odierna facendo registrare un bel gap up, gap che i mercati, italiano ed europei, ricoprono in intraday per poi recuperare e  comunque chiudere in guadagno, mentre gli indici USA non hanno proprio pensato a ricoprire il gap ed anzi stanno realizzando un bel rallye che, al momento che scriviamo, fa registrare un guadagno del + 1,72% a 6544 per il NASDAQ100, un + 1,62% a 2644 per l’S&P500 ed infine un + 1,40% a 24266 per il DOW JONES.

A livello macro di importante da segnalare per domani, martedì, l’uscita dei dati sui prezzi alla produzione relativi al mese di Marzo e per mercoledì è prevista l’uscita dei dati sui prezzi al consumo sempre relativi al mese di Marzo, dati con forte connotazione inflattiva ed infine la pubblicazione delle minute dell’ultima riunione del FOMC.

Dicevamo degli indici azionari europei che hanno approcciato la seduta con slancio per poi vedere prevalere la cautela anche se ciò non ha impedito di chiudere la seduta in guadagno.

La migliore performance odierna la fa registrare l’indice spagnolo IBEX35 con un + 0,62%, a seguire con percentuali più modeste l’indice svizzero SMI con un + 0,18%, il tedesco DAX con un + 0,17% a 12261,75, l’olandese AEX con un + 0,11%, l’indice EUROSTOXX50 con un + 0,15% a 3413 ed infine il francese CAC40 in sostanziale parità.

A livello macro da segnalare per giovedì la riunione della BCE in tema di politica monetaria.

Uno sguardo ora agli indici nostrani che chiudono bene la seduta quasi come l’indice spagnolo grazie al buon andamento del settore bancario e quello delle utility, con il FTSE MIB a 23054 con un + 0,54% ed il FTSE IT All-Share a 25300 con un + 0,44%.

Infine uno sguardo al nostro Portafoglio azionario nel quale, in mattinata, siamo entrati in acquisto sul titolo italiano:

  • EL.EN (IT0005188336)  A  32,96.

Un commento

I commenti dei lettori

Un commento

  • Massimo V.
    11 Apr 2018

    Buondì a tutti/e
    A proposito del PTF Italy, ieri sera è uscita news accelerated book-building su ERG, poi confermata oggi nel dettaglio:

    "ERG: Collocato il 4% del capitale a 18,60 euro per azione
    11/04/2018 07:39 WS

    Unicredit ha completato ieri sera la vendita, attraverso la procedura di accelerated book-building, di 6.012.800 azioni ordinarie, pari a circa il 4% del capitale sociale di Erg e corrispondenti all'intera partecipazione detenuta da UniCredit nella società.

    Le azioni sono state collocate presso investitori qualificati italiani e istituzionali esteri a un prezzo di 18,60 euro per azione, con uno sconto del 7% rispetto all'ultima quotazione di ieri.

    Il controvalore totale è di circa 111,84 milioni di euro.

    Il titolo Erg staccherà nel corso del 2018 un dividendo complessivo di 1,15 euro per azione, yield 5,75%.

    La cedola comprende una componente straordinaria a seguito della vendita di TotalErg e, quindi, dalla uscita dal settore delle vendita di carburanti, pari a 0,40 euro per azione che sarà pagato nel 2018.
    Il dividendo "normale" di 0,75 euro per azione sarà pagato il 21 maggio. "

Lascia un commento