Due OPA in due giorni....

Scattano le OPA o i delisting volontari sul mercato. I compratori sfruttano i grandi cali nelle quotazioni per acquistare.

Ieri era stata la volta di NICE. I pretendenti hanno fissato un prezzo superiore decisamente alle quotazioni. Queste hanno reagito con un volo del 40%. Un colpaccio imprevedibile per i piccoli soci che fino al giorno prima in un anno perdevano oltre il 20%.

Oggi è la volta di Damiani, la fabbrica di gioielleria da anni quotata con scarsa fortuna. I risultati sono in faticoso miglioramento, come illustrato dalla recente semestrale. Ma il prezzo offerto per il delisting è stracciato (0,855 euro), solo il 5% in più della quotazione del giorno prima. Un sovrapprezzo omeopatico, specialmente ricordando il sovrapprezzo pagato dai francesi acquistando Bulgari. Indubbiamente la famiglia non aveva ragione di strapagare il limitato flottante della fabbrica di gioielleria dai piccoli soci. Ma questa compagnia aveva segnato in borsa anche 1,25 euro quest'anno(2017-2018). In borsa non si fa beneficienza e quindi si comprende il limitato incremento. Da segnalare che il lancio dell'opa ai bassi suddetti livelli è stato accompagnato con la solita minaccia nei confronti di chi non consegni i titoli. Questi potrebbero essere concambiati (ad OPA fatta se non consegnati) con azioni di società non quotate e la loro vendita potrebbe diventare molto difficoltosa. Damiani era stato quotata il 7 novembre 2007 proprio alla vigilia del grande crac. Lascia la borsa senza rimpianti (nel 2015 quotava oltre 1,5 euro) anche se le malelingue ricordano quanto a suo tempo accaduto con La Rinascente.Ma sono cose di tanti anni fa.....

Da moltissimi anni giochiamo sulle OPA scommettendo su tale eventualità che rappresenta uno spettacoloso paracadute in caso di crac del mercato. Nel 2008 ad esempio abbiamo chiuso l'anno con il portafoglio a scarso rischio in forte utile, tra i pochissimi  nel mondo finanziario italiano, grazie proprio all'OPA lanciata sull'unico titolo che avevamo in portafoglio, Ergo Previdenza.

Non neghiamo che l'anno che si sta chiudendo sia stato molto deludente per le opa che, speravamo, potessero concretizzarsi.

1) Ricordiamo che i parametri utilizzati da Sumitomo per comperare la concorrente società inglese operante nel trasporto della frutta due anni fa erano stellari rispetto alle quotazioni di Orsero.In un settore del trasporto della frutta  soggetto al consolidamento ci saremmo aspettati qualche mossa dall'estero.,specialmente dopo il dimezzamento delle quotazioni. Niente invece.... a conferma che l'alone di disapprovazione sul titolo Fratelli Orsero  avvenuto dopo la deludente comunicazione dei dati semestrali un anno fa con relativo dimezzamento dei prezzi  non è ancora scomparso. Ed in borsa ricostruire un rapporto con  gli azionisti (presenti o futuri)è difficile. e solitamente richiede molto tempo.

2)Da ventidue  anni aspettiamo opa o delisting sulle Autostrade Meridionali.  Allora valevano  Lit 3.600. Non e' stato un cattivo investimento in quanto quotano 27 euro e si sono moltiplicate 15 volte. Ma l'opa, anzi il delisting per essere corretti, sui  quali avevamo puntato non è (ancora) avvenuto. Dopo il disastro del 14 agosto  Autostrade per l'Italia hanno altro a cui pensare.Quindi potremmo aspettare ancora per vedere novita',sperando che almeno l'asta per il rinnovo della concessione sia lanciata dopo  6(sei) anni dalla sua scadenza.Un record italiano che non ci fa  piacere annoverare in Eurpa.

3)Piu' volte  da tre anni avevamo accennato alla possibilita' che Retelit potesse essere oggetto di tale operazione. Quotava 0,60 euro quando ci siamo lanciati sul titolo inserendolo allora nel portafoglio a scarso rischio del lombardreport.com.. Eppure niente è avvenuto anche se gli 8000 km di fibre  segnalati dal lombardreport.com come asset importantissimo,sono poi finalmente  stati riscoperti e hanno spinto la quotazione oltre 2 euro. Nel frattempo la fibra ottica diventava oggetto di discussioni quotidiane anche a livello governativo.  Ora la mossa sul capitale  è meno facile visto la presenza,da sei mesi, di controlli governativi  su tale attivita' che frenano eventuali desideri dall'estero. Niente percio' è (finora)avvenuto .

4)Geox e Segafredo. Su Geox circolano oggi varie voci. sulla stampa finanziaria. Le quotazioni di Geox  sono scese moltissimo  ( da 3,90 a 1,15 euro  in meno di due anni),ma quanto sopra e' solo una della ragioni ,forse la meno importante visto lo stato del nostro mercato,che giustificherebbe un delisting.

Su Massimo Zanetti  Segafredo il principale  settimanale finanziario  itaiano aveva riportato un anno fa il parere di uno stimato  e serio  operatore della borsa italiana che accennava alla possibilita' che i  proprietari ,dopo aver classato a prezzi elevatissimi le azioni, meno di  quattro anni fa  le riacquistassero con relativo delisting visto il quasi dimezzamento delle azioni. Ora,ad un anno di distanza, le quotazioni sono ancor piu' scese,ma niente è accaduto. La borsa non la prenderebbe bene ricordando altre analoghe operazioni come Italdesign etc.

La lista delle potenziali prede è lunga e preferiamo evitare l'elenco di tali societa'. Se poi domani dovesse scattare una OPA sui titoli menzionati  ci potrebbero accusare di insider trading......

Ma la ricerca di possibili teoriche  prede prosegue.

Verso la fine degli anni '90   ricercavamo le "banchette", i piccoli istituti di credito che venivano fagocitati a prezzi elevatissimi dalle grandi banche. Alcune "banchette" fecero la gioia dei nostri abbonati.  prima di abbandonarle nel 2005: Ora il settore che mostra  le piu' accentuate forme di consolidamento è quello delle energie alternative, specialmente eoliche. Su tale settore si puo' insistere,se si e' molto pazienti, in quanto la redditivita' è certa,se la societa' è ben gestita,in attesa di eventuali operazioni straordinarie come quelle avvenute per Frendy e per Alerion..Per non parlare della moda ove un paio di famose ma piccole  societa' potrebbe far gola ai soliti francesi.

Il momento è favorevole per i compratori di societa'. Il coltello e' nelle loro mani. Speriamo di vedere nuove operazioni tra poco dopo un anno di scarso interesse nei confronti del nostro mercato

PS 29/12. Ed ecco che ieri mattina e' scattata la terza OPA,questa volta su Ceramiche Ricchetti lanciata da QuattroR a  0,215 per effettuare in seguito anche il delisting. Sorprende che Ricchetti ,di cui si conoscevano le difficolta', abbia perso il 25% quest'anno mentre la tanto elegiata Panaria Group chiuda l'anno con un a perdita del 75%. Una sorpresa rispetto alle previsioni di dodici mesi fa ,quando si pensava che Panaria dovesse superare circa i 7 euro grazie al suo sviluppo,mentre invece chiude l'anno a 1,50. .

Ed ora aspetiamo le prossime OPA  sperando di essere coinvolti prima o poi come spesso accaduto in 20 anni (anche se possedendo  in portafoglio solo un paio di titoli sara' ben difficile essere "estratti").....nel frattempo auguroni a tutti gli amici che ci hanno gentilmente accompagnato durante il 2018. Il prossimo  anno risulta    attualmente imprevedibile,ma essere tutti insieme coalizzati contro il mercato per segnalare le incongruita' eventuali  ci dara'  indubbiamente piu' forza....buon trading ed ancora tanti auguri

(L'autore del presente articolo non è iscritto all'ordine dei giornalisti e potrebbe detenere i titoli oggetto dei suoi articoli)

2 Commenti

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 3 giorni!

I commenti dei lettori

2 Commenti

  • Massimo V.
    28 Dic 2018

    Buonasera Dott. Bellosta,
    Un veloce commento x Augurare a Lei e a tutti gli affezionati lettori un Sereno Anno Nuovo, e per sottolineare che (della serie: non c’e’ 2 senza 3...) oggi è stata “Opata” Ceramiche Ricchetti da parte di Quattror Sgr, che detiene il 62,4% di CR (0,215€... a prezzo di mkt)

    A risentirci su Silver & Gold!

  • Massimo V.
    28 Dic 2018

    Buonasera Dott. Bellosta,
    Un veloce commento x Augurare a Lei e a tutti gli affezionati lettori un Sereno Anno Nuovo, e per sottolineare che (della serie: non c’e’ 2 senza 3...) oggi è stata “Opata” Ceramiche Ricchetti da parte di Quattror Sgr, che detiene il 62,4% di CR (0,215€... a prezzo di mkt)

    A risentirci su Silver & Gold!

Lascia un commento