Forzaunpò

Era una specie di gigante spappolato il Sottotenente Forzaunpò. Aveva lo sguardo assente di chi non è molto sveglio e la flemma del ciccione che finalmente ha scoperto il suo ruolo: nulla fare. Si aggirava per la Scuola di Fanteria di Cesano urlando con tono crescente “forza un po’”. Iniziava la mattina presto, lo si sentiva arrivare dalla piazza d’armi perché appena sceso dalla macchina urlava nel vuoto della mattina “forza un po’”.

E quindi di “forza un po’” in “forza un po’” lo sentivi aggirarsi nella mensa, in armeria e quindi di nuovo per l’alzabandiera trai ranghi della truppa schierata. “Forza un po’”. Non si capiva bene cosa dove come e quando la forza dovesse essere tirata  fuori, era una specie di rantolo da psicopatico che l’esercito aveva fatto irrimediabilmente esplodere. Se una recluta o un allievo gli chiedeva qualcosa lui lo scrutava assente e rispondeva semplicemente “forza un po’”.

Si raccontava che abbia urlato disperato “forza un po’” mentre per l’ultima volta usciva dal portone della Scuola di Fanteria verso il congedo.

Cliccate qui per saperne di più http://www.riuscireinborsa.it/trading-intraday-2018-lombard/

Bene. Per voi cari lettori d’ora in avanti fino al 23 marzo diventerò semplicemente il Sottotenente “forza un po’”. Abbiamo perso tempo e denaro per organizzare il 23 marzo prossimo a Bologna un seminario di trading intraday con due trader di cui tutto si può dire se non che siano SERI, un aggettivo che in questo mestiere ci si trova raramente a spendere.

Ma non vedo la coda degli abbonati semestrali e mensili ad iscriversi GRATUITAMENTE RIPETO GRAUTUITAMENTE AL SEMINARIO: “forza un po’” ! E’ come se uno vi fa un regalo e voi fate finta di non capire. Pronto ? Il seminario lo abbiamo organizzato per voi, vogliamo che veniate per capire cosa facciamo, se potete farlo anche voi, se è la vostra strada, se possiamo insegnarvi qualcosa. Nessuno vi chiede niente, non vogliamo soldi, è GRATIS. “Forza un po’” ! Oppure pensate che i soldini ve li porta Tomasini a casa tutte le mattine ? Pensate che non potrete trarre ispirazione, energia, giovamento dalla esperienza di due trader come Minnicelli e Tanevini ? Pensate di sapere già tutto ? Pensate che sia un giorno buttato via ? Io se fossi in voi prenderei un giorno di ferie e verrei a spendere una giornata a Bologna per cercare di capire come gira la ruota.

L’occasione è imperdibile ed è GRATIS per gli abbonati semestrati e annuali. Che dire ?

“Forza un po’”  !

Cliccate qui per saperne di più http://www.riuscireinborsa.it/trading-intraday-2018-lombard/

11 Commenti

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 3 giorni!

I commenti dei lettori

11 Commenti

  • Massimo V.
    25 Mar 2018

    Manca il mio umilissimo commento su Pino Minnicelli... l’ho conosciuto, come credo molti di voi, ascoltando l’untervista di Tomasini... e mi aveva faverovolmente impressionato

    Dal vivo la cosa si è confermata ed amplificata: non tanto riguardo all’operativita’, lui X primo ha evidenziato Che i gain in assoluto sono frutto di molteplici fattori,ed operando su più mercati con cifre consistenti si è avvantaggiati (ndr: si, se uno è “buono” come lui, sennò ci si sfascia in ancora meno tempo!)

    Mi ha colpito soprattutto l’approccio, la view sul mercato, ed alcune frasi /concetti in particolare....

  • Massimo V.
    25 Mar 2018

    poi la fondamentale, proprio sul finale di giornata: "non abbiate paura di prendervi la perdita, se la vs. view sul titolo cambia rispetto alla valutazione iniziale... col contante si ragiona sempre meglio, si è meno presi psicologicamente, quando si hanno i titoli, come abbiamo detto prima, ci si 'innamora' facilmente, e si passa alla 'fase due': SI, PERO', VALE DI PIU'!"

    Non voglio tediarvi oltre... grazie a tutti, a Tomasini per la suprevisione, la moderazone discreta ma efficace, l'aver raccolto e riportato anche le domande inespresse ai tre trader (tanto le ns domande ce le leggeva già dentro al cervello...) e grazie a tutti VOI colleghi, in particolare al mio omonimo vicino di sedia (Max) per la bella chiacchierata ed i confronto

    Buona Domenica delle Palme!

  • Massimo V.
    25 Mar 2018

    - Sul mercato puoi essere bravo quanto vuoi ma non conti nulla, devi accodarti a chi fa il mkt, ed essere il 1° o 2° sul book accodato al BIG di turno che "fa il mercato"

    - un paio di citazioni del suo "vecchio capo" di quando lavorava in banca, che ci ha gentilmente regalato (segniamocele e stampiamole di fianco al monitor!): "se per guadagnare in borsa bastasse tirare due righe su un grafico, in Italia saremmo pieni di geometri, architetti, ingegneri MILIONARI (in €, immagino che l'originale fosse MILIARDARI, in Lire...) " e " Figlio mio, a me non fa paura sentirti dire 'ho perso', ma 'adesso vado e me li ripiglio subito' "

    - mai inseguire le operazioni, si costruiscono...

    - fare sempre le cose che si sanno fare bene, non lasciarsi traviare dalle mode del momento, ed essere sereni nel lavoro: la serenità la danno solo la conoscenza degli strumenti che si stanno utilizzando, e l'affidabilità dell'operatore/broker con cui si opera... non inseguite il prezzo più basso in assoluto come commissioni, ma se quello che pagate è proporzionato al servizio che ricevete (ndr. questo credo che possa appurarlo bene solo chi ha una operatività "spinta" e fa molto intraday, dove le frazioni di secondo fanno la differenza, ed anche i tempi di risposta dal desk dell'operatore)

  • Massimo V.
    25 Mar 2018

    Manca il mio umilissimo commento su Pino Minnicelli... l’ho conosciuto, come credo molti di voi, ascoltando l’untervista di Tomasini... e mi aveva faverovolmente impressionato

    Dal vivo la cosa si è confermata ed amplificata: non tanto riguardo all’operativita’, lui X primo ha evidenziato Che i gain in assoluto sono frutto di molteplici fattori,ed operando su più mercati con cifre consistenti si è avvantaggiati (ndr: si, se uno è “buono” come lui, sennò ci si sfascia in ancora meno tempo!)

    Mi ha colpito soprattutto l’approccio, la view sul mercato, ed alcune frasi /concetti in particolare....

  • Massimo V.
    25 Mar 2018

    Esperienza da ripetere! Mi stanno venendo alcune idee e le proporrò ai boss.... se altri faranno altrettanto di sicuro si rifarà , aggiustando il tiro su alcune cose

  • Massimo V.
    25 Mar 2018

    Esperienza da ripetere! Mi stanno venendo alcune idee e le proporrò ai boss.... se altri faranno altrettanto di sicuro si rifarà , aggiustando il tiro su alcune cose

  • Angela I.
    24 Mar 2018

    Come vi invidio!😔
    Io nn sono potuta venire .... E leggendo il tuo commento è stata una gran bella giornata

  • Massimo V.
    24 Mar 2018

    Fabio Tanevini e Pino Minnicelli erano le due Guest Stars annunciate dell’evento, e non hanno di certo deluso le aspettative... sia loro che Adriano si sono dovuti purtroppo misurare con un mkt italiano non certo ideale per una scorpacciata di trade giornalieri (a meno di non voler rischiare l’osso del collo, ma se ne sono ben guardati e credo che questo sia il primo grande insegnamento della giornata...)

    Fabio abbiamo imparato a conoscerlo da pochi mesi per il suo stile di scrittura, per precisione nell’analosi grafica, per la ricerca dei punti di rottura delle trendline, non solo e non tanto da un punto di vista geometrico/analitico, ma piuttosto per un’analisi della psicologia del mercato.

    Fabio appare inizialmente e superficialmente come asettico e e razionale , ma poi, oltre ad una magistrale capacita’ oratoria (e quella di poteva già intuire da come scrive...), man mano che passano i minuti, si “scioglie” sempre più e trasuda una gran passione per quello che fa, per la voglia di confrontarsi, di rispondere alle domande, di mettere in evidenza i punti di contatto sia nell’operatività che nella “filosofia di fondo” che anima 3 persone e 3 metodi di lavoro sul mercato ben distinti tra loro.

    Mi è molto piaciuto il suo aver evidenziato un feeling tra persone che si sono conosciute da poco, ma che si relazionano come se si conoscessero da una vita, proprio per un trascorso di anni sul mercato, su ci si muovono con una “deontologia” comune, avendo ben chiaro che “i pesci grossi “ sono altri, ci si può solo “accodare”, volare bassi, non fare troppo i fenomeni ma al tempo stesso essendo belli decisi, determinati e rapidi nell’operativita’

    Poi questo è quello che ho colto, e spero di essere corretto da qualcuno !

  • Massimo V.
    24 Mar 2018

    Fabio Tanevini e Pino Minnicelli erano le due Guest Stars annunciate dell’evento, e non hanno di certo deluso le aspettative... sia loro che Adriano si sono dovuti purtroppo misurare con un mkt italiano non certo ideale per una scorpacciata di trade giornalieri (a meno di non voler rischiare l’osso del collo, ma se ne sono ben guardati e credo che questo sia il primo grande insegnamento della giornata...)

    Fabio abbiamo imparato a conoscerlo da pochi mesi per il suo stile di scrittura, per precisione nell’analosi grafica, per la ricerca dei punti di rottura delle trendline, non solo e non tanto da un punto di vista geometrico/analitico, ma piuttosto per un’analisi della psicologia del mercato.

    Fabio appare inizialmente e superficialmente come asettico e e razionale , ma poi, oltre ad una magistrale capacita’ oratoria (e quella di poteva già intuire da come scrive...), man mano che passano i minuti, si “scioglie” sempre più e trasuda una gran passione per quello che fa, per la voglia di confrontarsi, di rispondere alle domande, di mettere in evidenza i punti di contatto sia nell’operatività che nella “filosofia di fondo” che anima 3 persone e 3 metodi di lavoro sul mercato ben distinti tra loro.

    Mi è molto piaciuto il suo aver evidenziato un feeling tra persone che si sono conosciute da poco, ma che si relazionano come se si conoscessero da una vita, proprio per un trascorso di anni sul mercato, su ci si muovono con una “deontologia” comune, avendo ben chiaro che “i pesci grossi “ sono altri, ci si può solo “accodare”, volare bassi, non fare troppo i fenomeni ma al tempo stesso essendo belli decisi, determinati e rapidi nell’operativita’

    Poi questo è quello che ho colto, e spero di essere corretto da qualcuno !

  • Massimo V.
    24 Mar 2018

    Buonasera a tutti,
    Non so dove scrivere due righe riguardo alla giornata di venerdì 23 in quel di Bologna, quindi le scrivo qui su questo simpatico post dove il KapoBanda Dott. Tomasini ha deciso di rivestire per alcuni giorni i panni del Sottotenente Forzaunpo’... un personaggio a cui noi lettori intervenuti al Trafing Day credo dovremmo essere molto grati...

    Grazie davvero a tutti, dai Big Boss del Lombard al Trio Lescano (o preferiamo The Police? Io mi fermo lì musicalmente...) dei Traders intervenuti.

    Ecco vorrei soffermarmi un attimo (meriterebbe ben più tempo ognuno di loro ma il cambio d’ora incombe e l’alzata dei marmocchi sara’ da caserma, tanto X stare “in topic”...) sul Trio composto da Adriano, Fabio e Pino.

    Adriano lo abbiamo tutti/e conosciuto in loco, mai visto né sentito prima, credo sia lontano anni luce dal modo di stare sul mkt del 99% di noi e di quanto leggiamo su queste pagine virtuali... eppure credo che abbia conquistato tutti, almeno me di sicuro!

    E’ veramente, come si dice dalle mie parti (che sono poi vicine a Bologna) “in personaggio”... uno che ha stampate in testa le trendline di Tanevini, senza magari averne mai tracciata una... ma leggendo i livelli critici direttamente sul book, mentre si formano e vanno a comporre magicamente i prezzi, come in un fantastico Matrix (il film ovviamente )

    Ci ha cortesemente fatti entrare nei meandri della sua operatività , che è probabilmente la più difficile da condividere e raccontare, apparentemente la più irrazionale ed al contempo la più rigorosa nell’applicazione dei livelli di entrata / uscita.

    Il tutto cadenzato dalle sue meravigliose battute in romanesco, sempre all’insegna della semplicita’, del non prendersi troppo sul serio, del rispetto x qualcosa che e’ molto più grande di te, del sapersi accodare a quello che fanno “i grandi player” e del saper sfruttare alcune apparenti idiosincrasie che si vengono a materializzare durante il fluttuare degli ordini (effettivi o fasulli) sui book, il tutto per una manciata di minuti o pochi secondi, o frazioni...

  • Massimo V.
    24 Mar 2018

    Buonasera a tutti,
    Non so dove scrivere due righe riguardo alla giornata di venerdì 23 in quel di Bologna, quindi le scrivo qui su questo simpatico post dove il KapoBanda Dott. Tomasini ha deciso di rivestire per alcuni giorni i panni del Sottotenente Forzaunpo’... un personaggio a cui noi lettori intervenuti al Trafing Day credo dovremmo essere molto grati...

    Grazie davvero a tutti, dai Big Boss del Lombard al Trio Lescano (o preferiamo The Police? Io mi fermo lì musicalmente...) dei Traders intervenuti.

    Ecco vorrei soffermarmi un attimo (meriterebbe ben più tempo ognuno di loro ma il cambio d’ora incombe e l’alzata dei marmocchi sara’ da caserma, tanto X stare “in topic”...) sul Trio composto da Adriano, Fabio e Pino.

    Adriano lo abbiamo tutti/e conosciuto in loco, mai visto né sentito prima, credo sia lontano anni luce dal modo di stare sul mkt del 99% di noi e di quanto leggiamo su queste pagine virtuali... eppure credo che abbia conquistato tutti, almeno me di sicuro!

    E’ veramente, come si dice dalle mie parti (che sono poi vicine a Bologna) “in personaggio”... uno che ha stampate in testa le trendline di Tanevini, senza magari averne mai tracciata una... ma leggendo i livelli critici direttamente sul book, mentre si formano e vanno a comporre magicamente i prezzi, come in un fantastico Matrix (il film ovviamente )

    Ci ha cortesemente fatti entrare nei meandri della sua operatività , che è probabilmente la più difficile da condividere e raccontare, apparentemente la più irrazionale ed al contempo la più rigorosa nell’applicazione dei livelli di entrata / uscita.

    Il tutto cadenzato dalle sue meravigliose battute in romanesco, sempre all’insegna della semplicita’, del non prendersi troppo sul serio, del rispetto x qualcosa che e’ molto più grande di te, del sapersi accodare a quello che fanno “i grandi player” e del saper sfruttare alcune apparenti idiosincrasie che si vengono a materializzare durante il fluttuare degli ordini (effettivi o fasulli) sui book, il tutto per una manciata di minuti o pochi secondi, o frazioni...

Lascia un commento