Via col vento. La lezione di Alerion

L'OPA (doppia) su Alerion ha risvegliato l'interesse verso il settore dell'energia eolica.

Torna percio' d'attualita' una compagnia specializzata in energia eolica quasi totalmente ignorata dai gestori in quanto confinata sul periferico mercato AIM.

Ci riferiamo a PLT Energia, controllata dalla Sirefid con  l'83,62% del capitale, il flottante è del 16,38% di cui sono piccolo azionista. La sigla è: PLTE.

PLT Energia, operante nell'eolico, ha offerto per l'esercizio 2015 un succoso dividendo (0,07684 € per azione, quasi il 4%) grazie ad un utile piu' che raddoppiato a 4,96 milioni. La societa' capitalizza circa 53 milioni € ed ha chiuso l'esercizio scorso con un profitto di 6,4 milioni € con un rapporto prezzo utile non certo elevato e pari a circa 8,2.

Le cose miglioreranno ancor piu' nel corrente esercizio in quanto la semestrale al 30 giugno 2016 ha visto un aumento del fatturato da 24 a 32 milioni €, influenzato in maniera rilevante da ricavi infragruppi del 48,5% dell'Ebitda e del 71% dell'Ebit. Il risultato semestrale netto è pari a 10,9 milioni di euro (ricordiamo che la societa' capitalizza circa 55 milioni €),ma è favorevolmente influenzato dalla plusvalenza per vendita di una partecipazione. Secondo uno studio della Sim Integrae pubblicato a fine marzo, l'utile di PLT Energia del 2016 dovrebbe passare da 6,4 a 9,4 milioni € ed il rapporto prezzo/utile diventerebbe molto contenuto e pari a poco piu' di 5,6.

Ci sono percio' tutte le premesse, come vedremo nelle previsioni di CFO Sim, per un aumento del dividendo. Nel frattempo la societa' sta valutando il passaggio sul MTA che potrebbe avvenire nel 2017. PLT Energia ha gia' una capacita installata di circa 115 MW e prosegue nella sua ricerca di nuove opportunita' nell'eolico. Il 91% dell'attivita', secondo il report di CFO Sim, deriva dall'eolico, il 7,5% dal fotovoltaico e il resto dalle biomasse.

Per Integrae SIM la societa' merita un buy (acquistare) e la valutazione di PTL Energia effettuata sulla base della metodologia del DCF e multipli di societa comparabili, porta ad un prezzo obiettivo di 4,8 euro per azione, piu' del doppio delle quotazioni attuali. CFO SIM ha fissato invece pochi giorni fa il target a 3,8 euro, che per raggiungerlo l'azione dovrebbe salire dell'80%.

Il 4 ottobre si è aggiunta la valutazione della CFO SIM, una societa' che stimo, che analizza PLT Energia dopo aver titolato l'analisi " Wind, Powering, Fresh Returns" ed anch'essa esprime un "buy".

Lo studio ricorda che il 91% della capacita' produttiva di 133 MW derivera', tra qualche mese, dall'energia eolica e solo il 7,5% dal fotovoltaico, se ne apprezza  l'efficienza e si attende che per 2016 la societa' denunci una ebitda di 12,2 milioni  € che diverranno 26,7 € nel 2017 e 26,3 € nel 2018 secondo le loro analisi.

L'utile, per CFO Sim nello studio fatto sei mesi dopo quello di Integrae,dovrebbe passare da 4,1 mln. € ( 2015) a 9,8 (2016) e a 5,5 mln. € (2017). Questi sbalzi sono imputabili a situazioni di plusvalenze straordinarie.

Per CFO Sim il dividendo dovrebbe salire da 0,077 € (2015) a 0,164 € (2016 esercizio) per tornare a 0,072 € nel 2017, in tal caso in primavera si staccherebbe una cedola del 7,7%.

Per CFO Sim il target price dell'azione è di euro 3,80. Ora quota 2,25 € circa.

Chiaramente il passaggio sul Mercato Telematico Azionario farebbe finalmente scoprire questa compagnia a molti gestori che non la conoscono o sono impedita, da regole interne, dal trattarla sull'AIM. Un contemporaneo aumento del flottante faciliterebbe inoltre la liquidabilita' dei titoli, finora trattati solo per quantita' limitate. La caccia alle societa' eoliche è iniziata, come insegna il caso di Alerion. Posizionarsi su una societa' che Integrae e CFO Sim reputano molto sottovalutata sembra percio' una mossa ragionevole per chi punti ad un buon dividendo ed a possibili novita'.

Ma se speculare significa "vedere lontano" l'analisi di questa azione, caratterizzata da rendimenti elevati ed operante in un mercato in crescita, merita attenzione specialmente per anticipare la possibilita' del "gran salto" da AIM a MTA, come testimoniato dal passaggio di Tecnoinvestimenti, l'effetto sulle quotazioni è solitamente molto positivo.

(L'autore del presente articolo non è iscritto all'ordine dei giornalisti e potrebbe detenere i titoli oggetto dei suoi articoli)

10 Commenti

I commenti dei lettori

10 Commenti

  • Luigi B.
    12 Giu 2018

    Rinnovabili, i big dell’energia a caccia di buone occasioni sull’Aim
    –di Valeria Novellini 08 giugno 2018

  • Luigi B.
    24 Mag 2018

    Oggetto: CFO SIM EQUITY RESEARCH - PLT energia SpA "EBITDA doubled in Q1-18", Company Flash: Buy, PT 5.00
    Q1-18 results properly display the cash flow generation capacity of the current asset base. The company is well positioned to add 150MW by 2022 and poised to create further value for shareholders.
    Quarterly EBITDA doubled YoY
    The company has announced Q1-18 results. figures show clearly the massive impact of the recently acquired 81MW asset and the contribution provided by all wind farms, which were brought up to speed during the previous year. The total fully owned capacity installed is 215.8MW: in April and May 2017 the Simeri and Tursi plants, respectively, went on stream, thus adding 22.55MW and 60MW and in Dec-17 PLT energia acquired 81MW from Podini Holding. The production of PLT energia assets in 2017 amounted to 364 GWh, contributing to avoiding CO2 emission to the tune of 164.800 tCO2eq./per year and meeting the needs of 158.400 families. Q1-18 EBITDA totalled € 11.1m, more than doubled vs. € 5.4m in the same period of last year and EBIT amounted to € 5.6m, against € 3.1m in Q1-17. Net profit more than doubled from € 0.8m to € 1.8m in the same period.
    PLT energia plans to exceed 360MW capacity by 2022
    The PLT energia asset base is amongst the best performing in the sector in terms of 1) Productivity (with yearly operating hours of 2,100h, vs. a national average of 1,797h); 2) Efficiency, young state-of-the-art wind turbine plants; 3) Length of incentive tariff period: (tariffs provide incentives till 2029, on average). In the electricity industry, due to the increase in the cost of technologies now close to market parity, we expect strong growth in renewables. Group strategy entails the construction of new wind farms and the repowering of operating assets, with the installation of reconditioned wind turbines. PLT energia aims at enlarging its production capacity by some 150MW to more than 360MW by 2022 via green field developments (80% of the total projected new capacity) and market parity - repowering (20% of the total increase). This development plan will commence upon the publication of new auction capacity details by the government.
    Buy reiterated, 72.4% upside to PT
    Q1 and Q4 are usually the most productive quarters of the year, based on the geographical positioning of group assets. Assuming no material changes in the typical wind condition seasonality, the company is well on track to meet our € 41m EBITDA projection for end-18. Share trades more than 70% below our PT of € 5.00: we stick to our Buy rating on PLT energia.

  • Luigi B.
    22 Mag 2018

    GRUPPO PLT ENERGIA: crescita veloce nel 1 trim.







    cesena 22 maggio 2018 PLT energia S.p.A., holding italiana di partecipazioni industriali operante nel mercato delle energie rinnovabili, comunica che il Consiglio di Amministrazione ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2018 e rendicontato il suo secondo Bilancio Sociale in accordance con il Framework GRI Standards 2016 opzione “core”.
    I dati consolidati trimestrali del Gruppo, al 31 Marzo 20181, confermano la notevole crescita degli indici di redditività del Gruppo, grazie al contributo di tutti gli impianti eolici messi a regime nel corso dell’anno precedente, che hanno permesso di chiudere il periodo con un EBITDA pari a €/migliaia 11.132 in incremento del 104% rispetto al 31 Marzo 2017 (€/migliaia 5.441) ed un EBIT pari a €/migliaia 5.664 (€/migliaia 3.069 al 31 Marzo scorso).
    Il Risultato netto di periodo si attesta a €/migliaia 1.836 rispetto ad €/migliaia 800 del primo trimestre 2017.
    PLT energia, inoltre, tramite la propria controllata, PLT puregreen S.p.A., fornisce alle famiglie e piccole imprese energia 100% green prodotta dagli impianti del Gruppo e conduce molte azioni a favore della sensibilizzazione sui temi della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico in tutte le sue forme, grazie anche all’ingresso nel settore della mobilità elettrica.
    Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet

  • Luigi B.
    20 Mag 2018

    Il Sole 24 ore di oggi: corsa da 1,8 mld al solare italiano……….

  • Luigi B.
    18 Mag 2018

    M.F pag 3: contratto pro-rinnovabili........Lega - 5 stelle------

  • Luigi B.
    17 Mag 2018

    Azienda interessante......troppo sottovalutata ahimè...........

  • Luigi B.
    17 Mag 2018

    Azienda interessante......troppo sottovalutata ahimè...........

  • Guido B.
    20 Dic 2016

    debiti per 101 milioni al 31 dic 2015 in salita a circa 140 secondo lo studio di CFO Sim. a fine questo anno per nuovi investimenti fatti. Come tutte le societa' utility energetiche/eoliche l'indebitamento risulta superiore a quello delle societa' industriali,ma è garantito dalla buona richiesta di energia.Le stesse banche finanziano con maggiore tranquillita'. Non va nel portafoglio solo perché c'è da attendere molti mesi prima che venga presa la decisione di passare sul MTA,probabilmente con un allargamento del flottante. e vedo che molti amici sono restii a operare sull'aim, Abbiamo gia' piteco cv 4,5% in portafoglio sull'aim e spesso abbiamo operatoto su tale mercato(Expert Systems etc).Ma molti amici hanno talora difficolta' per la liquidabilita',anche se PLTE per ex tratta 30.000/40.000 azioni al giorno.Scopo dell'articolo era pubblicare che due uffici studi segnalano per PLTE una sottovalutazione consistente tra i loro target (4,90 e 3,80) contro una quotazione di 2,35 in un settore che vede le prime opa e contro opa su alerion. Quindi per gli appassionati delle energie alternative meglio ricordare che Falck e PLTE sono anch'esse meritevoli di stratta osservazione

  • Simone A.
    19 Dic 2016

    Si puo' conoscere il livello di indebitamento di queste società?

  • Nicola C.
    19 Dic 2016

    Buongiorno dott. Bellosta, riposto il commento di questa mattina, ovvero sapere se la seguiamo nel portafoglio scarso rischio oppure ognuno per se .Grazie

Lascia un commento