Analisi indice FTSE Mib alla chiusura di venerdì 17/11

Buongiorno e buon lunedì a tutti,

l'indice FTSE Mib si trova in una fase un po' delicata, poiché si è appoggiato su importanti supporti di medio termine ma non ha ancora fatto un rimbalzo sufficiente ad allontanare la paura di ulteriori affondi.

Ci sono un supporto daily a 21916 e uno weekly a 21901, che per il momento sembrano voler fornire quantomeno un appoggio, un freno alla caduta. Per una ripresa convincente però devono saltare le prime resistenze, che passano a 22281 chiusura giornaliera e 22639 chiusura settimanale. Supporto chiave settimanale 21901, e se non tiene si può scendere a 21329. In mezzo c'è supporto di breve a 21582, meno importante ma comunque presente.

Sono ancora validi i segnali operativi della scorsa settimana, ma cambiano i relativi valori:

Luxottica buy stop 49.55, 59 azioni, stop loss 45.31, target 53.84.

Banca Generali buy stop 28.93, 176 azioni, stop loss 27.51, target 30.58.

I valori restano gli stessi tutta la settimana.

Buona settimana e buon lavoro a tutti

Domenico Dall'Olio

(L'autore del presente articolo non è iscritto all'ordine dei giornalisti e potrebbe detenere i titoli oggetto dei suoi articoli)

3 Commenti

I commenti dei lettori

3 Commenti

  • Massimo V.
    20 Nov 2017

    entrato ordine buy stop a 28.93 tondi: SL pre-caricato in macchina.
    Per ora preferisco non impostare il livello di TP come uscita... sto a vedere "come" ci arriva vista la "criticità" in positivo di quel livello... valuterò eventualmente se alzare lo stop una volta raggiunto (spero) in target.

    Buon viaggio a chi c'è! ;-)

  • Domenico Dall'Olio
    20 Nov 2017

    Buongiorno, confermo che i livelli si spostano verso il basso ad ogni nuova barra, se il segnale non è ancora entrato ovviamente. L'unico valore che resta immutato è lo stop loss.
    I target vengono determinati coerentemente con quanto illustrato da De Mark. Il target più aggressivo considera la distanza tra il minimo dei minimi e la trendline. Quelli più cautelativi prendono in considerazione rispettivamente il prezzo di chiusura della barra del minimo e il più basso prezzo di chiusura tra tutte le barre che stanno sotto alla trendline.
    Io sulle barre settimanali uso uno di questi due punti (che a volte possono coincidere, come del resto possono entrambi coincidere con il minimo dei minimi, in casi limite).
    Quale dei due, dipende... In linea generale diciamo che osservo tutti e tre i valori e mi muovo così: se sono tutti diversi uso quello intermedio, se i due target cautelativi coincidono uso il loro valore come target. Se tutti e tre i punti coincidono prendo il punto medio della barra del minimo come punto di proiezione, soprattutto se quel minimo è stato fatto con uno spike. Sono scelte arbitrarie, ovviamente, ma l'esperienza qui aiuta! Buona giornata!

  • Massimo V.
    20 Nov 2017

    Leggo qui la risposta alla domanda fatta nell'articolo della settimana scorsa.
    Grazie!

Lascia un commento