Barometro del rischio in Borsa: sentiment al rialzo, numeri parzialmente al ribasso

Per Wall Street, dove ci sono segnali di tensione. Bene invece l’Europa, dominata da indicatori volti solo al risk on.

Cedole & dividendi

Il report della domenica è “free”; quelli degli altri giorni disponibili solo per gli abbonati.

Non c’è solo la parziale paralisi dell’amministrazione pubblica Usa - a seguito del mancato rinnovo dei fondi per il bilancio statale - a preoccupare. Anche altri numeri dimostrano che qualcosa comincia davvero a non andare oltre Oceano. Lo evidenzia la prima verifica 2018 del nostro barometro del rischio. Vediamo innanzi tutto le cifre relative proprio agli States, che rilevano segnali contradditori.

Indicatore

Valore attuale

Valore 17/12/17

Risk off/on

Commento

S&P 500 Vix

(indice di volatilità)

11,27

9,42

Risk on

Torna a salire un po’, ma evidenzia soprattutto un forte nervosismo, con movimenti repentini negli ultimi due mesi. Per ora si è comunque lontani da valori allarmanti

10-2 Year Usa Treasury Yield Spread

0,57%

0,53%

Risk off

Qui invece le indicazioni cominciano a essere minacciose. Il permanere vicino allo 0,50% conferma come la curva dei tassi si stia appiattendo e come il differenziale fra il 10 e il 2 anni resti molto basso. Ciò potrebbe anticipare un’inversione futura dell’economia

Tasso crescita Pil Usa

?

+3,3%

Risk on ?

Si attende febbraio per avere i dati del quarto trimestre 2017. Il valore della produzione industriale intanto è cresciuto a dicembre dello 0,9% contro una previsione dello 0,4%

S&P 500 Usa Earnings Yield

(media degli utili società quotate rispetto a valore indice borsistico)

3,82%

3,89%

Risk off

Senza sosta in discesa e non è un bell’indizio. Conferma che lo Standard & Poor’s è sempre più tirato, anzi iper tirato

Shiller P/E ratio

33,9

//

Risk off

Lo introduciamo per la prima volta. E’ un discusso benchmark di sottovalutazione o sopravvalutazione degli indici azionari (in particolare l’S&P500). Il valore medio storico (60 anni) è a 19,6. Il giudizio? Il mercato è sopravalutato. E di molto

Inflation Adjusted S&P 500 Usa

(valore dell’indice in termini reali, cioè corretto in base all’inflazione)

2.802 pb

2.675 pb

Risk off

Viaggia come un Etr 500. Sale oltre ogni limite e ci si continua chiedere: quando si fermerà? Di tutti gli indicatori – a nostro giudizio – è questo il più preoccupante

Investor Usa sentiment

(indagine weekly di percezione degli investitori Usa)

54,1%

45%

Risk on

Quanto visto finora viene smentito però dal sentiment degli investitori, che sono rialzisti nella stragrande maggioranza, contro solo il 21,4% di ribassisti

Bofa Usa High Yield Bonds

(rendimento)

5,75%

5,77%

Risk on

Il tanto atteso crollo degli high yield non si manifesta. E’ un termometro significativo

Inflazione Usa

2,1%

2,2%

Risk on

Ormai da mesi è fermo lì, sul 2% circa. Solo oltre il 2,5% alimenterebbe preoccupazione

5-Year, 5-Year Forward Inflation Expectation Rate

(aspettative inflazione futura)

2,11%

2,07%

Risk on

Il timore di un surriscaldamento dei prezzi (temuto da molti) non trova riscontri in questo indicatore, assai seguito dagli operatori professionali

Dollar index

90,5

93,9

Risk off

Sfiora i 90 e poi risale. Sta davvero per finire l’epoca del super dollaro?

Dax Volatility

(indice di volatilità)

12,6

12,4

Risk on

Non dà alcuna indicazione

Euro Stoxx 50 Volatility

(indice di volatilità)

11,8

11,8

Risk on

Sembra quasi morto!

Economia area euro –

Pil Italia

(su base trimestrale)

?

+0,4%

Risk on

Manca ancora il dato dell’ultimo trimestre ma per Banca d’Italia il Pil dovrebbe essere cresciuto (base annua) dell’1,5%, mentre per il 2018 si prevede un +1,4%. Migliora la domanda interna

Bund

(rendimento)

0,57%

0,301%

Risk on

Lo scatto dello yield è forte ma non rappresenta ancora un segnale di tensione. Dipende da timori di rialzo dell’inflazione

Tassi negativi per il Bund fino a…

6 anni

7 anni

Risk on

Intanto la parte corta della curva tedesca resta a segno meno

Inflazione area euro

1,4%

1,5%

Risk on

I dati ufficiali dicono questo, ma le tasche dei cittadini valutano che l’inflazione sia più alta. Chi imbroglia?

Ifo Germania

(indice di fiducia delle aziende)

117,2

117,5

Risk on

Piatto. Meglio così, poiché veleggia ai massimi dal 2000

Inflazione Cina

1,8%

1,7%

Risk on

Vero o falso che sia, il dato non è né particolarmente positivo né negativo

Geopolitica

Risk on

I focolai di tensione sembrano essere sotto controllo

In sintesi

Risk on

14

Risk off

5

Risk on ?

1

Trarre delle conclusioni è molto semplice (almeno questa volta): i timori per le Borse sono tutti targati Usa e sembrano salire, malgrado il sentiment (su base settimanale però) degli investitori d’oltre Oceano sia migliorato di molto. Attenzione alla lettura dei dati: il peggioramento di alcuni indicatori va visto in prospettiva. E deve impensierire. Bene invece l’Europa, dove tutto è improntato al risk on. Inevitabile ricordare che il barometro del rischio va interpretato in una visione di medio termine. La volatilità dei mercati è altra cosa.

Nessun commento

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 3 giorni!

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento