Azioni eprice: la borsa al tempo delle macchinette

Non esisterà mai un algoritmo o una macchina che avrà la raginevolezza dell'essere umano.

Questo è ciò che ci stà dimostrando la scompostezza fredda della macchina quando si tratta di gestire emozioni oppure fare valutazioni che comprendano l'utilizzo del buonsenso.

Ieri il Dow Jones in 10 minuti ha visto l'innesco di trade automatici che lo ha scaraventato a -4,60%, ma ciò che più mi ha sorpreso è stata l'apertura del nostro MiniFib questa mattina.

Onestamente vi confesso che mi è venuto da ridere quando l'ho visto in sospensione a -4%.

E' bastato l'innesco del sell-off negli Stati Uniti per mandare in crack il nostro Minifib a gestione autonoma di software.

Sarebbe ora di togliere il volante in mano alla macchina e restituirlo alla scimmia, avrebbe molto più buonsenso e prima o poi anche i regolamentatori dovranno confrontarsi con questi episodi.

Perchè questa premessa?

Il motivo risiede nell'assenza di validi motivi scatenanti una furia omicida cosi efferata.

E allora in quel caso l'uomo, dotato di ragionevolezza sà benissimo cosa fare.

Voglio prima fare una notazione dedicata a chiunque legga per le prime volte i miei articoli.

Non faccio e non farò mai previsioni sul lungo termine perchè a mio modo di vedere, non si può mai prevedere cosa accadrà il passo successivo oltre la propria ombra a maggior ragione quando si parla di mercati finanziari, pertanto le mie analisi tecniche coprono sempre un breve lasso temporale che è ciò che riesco maggiormente a decifrare magari anche per miei limiti, ma se ciò che devo fare è dare delle indicazioni tecniche e non il mago, questa mattina era evidentissimo che la cloche di comando non fosse in mano alla scimmia bensì ad una macchina , irrazionale e fredda.

In quei casi, l'uomo batte la macchina, sempre!

Quale è il quadro?

Semplice, siamo in fase di correzione dal massimo di 24000, massimo della tredline ancora discendente che va avanti da circa un decennio come avevo già anticipato in un articolo specifico sull'azione Eprice.

Quando un trader si sveglia e si trova davanti ad un “Software Failure” come oggi, sceglie i titoli, piu capitalizzati, e punta un chip su ognuno di loro e attende la chiusura del gap-down ridicolmente aperto per uscire a chiusura gap.

Semplice per la scimmia, non per la macchina.

Al momento in cui vi scrivo, tutti i quadri tecnici disegnati nei miei articoli riferentesi alle azioni Eprice, Pierrel, e Bomi rimangono confermati.

L'unica che stà cambiando in uno scenario ribassista è Notorious Pictures che , anche grazie ai dati economici relativi al 2017 comunicati dalla società nella giornata di ieri, stà modificando il proprio quadro con una rottura al ribasso di una trendline rialzista.

Movimento peraltro tutto da confermare vista l'esiguità dei volumi su questa tipologia di azioni.

Seguiremo con attenzione l'evolversi delle prossime ore e non appena vi saranno delle modifiche di quadri tecnici, cercheremo di essere solerti nel fornirvi un aggiornamento.

Ricordate sempre: Non esisterà mai una macchina dotata di ragionevolezza e buonsenso.

(L'autore del presente articolo non è iscritto all'ordine dei giornalisti e potrebbe detenere i titoli oggetto dei suoi articoli)

Un commento

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 3 giorni!

I commenti dei lettori

Un commento

  • Massimo V.
    08 Feb 2018

    Buongiorno Dott. Tanevini, a Lei e a tutti lettori/lettrici
    Approfittando del "bagno di sangue" di inizio settimana, mi sono piazzato su eprice in fase di pullback sull'area 2,6 segnalata prima come resistenziale e d'ora in avanti (speriamo) come supportiva.

    Concorso con quanto ha scritto nel presente articolo, poi ovviamente l'emotività in certe fasi gioca brutti scherzi e qui probabilmente si palesa una delle (tante) differenze tra noi "comuni mortali" e Voi traders professionisti.

    Nel mio piccolo, se sono stato abbastanza "furbo" da tenermi liquido, in queste fasi cerco di piazzare alcuni ingressi sui titoli che mi danno maggiore confidenza, quindi alcune small-mid caps con solidi fondamentali (magari non mi garantiscono il rimbalzone nell'immediato ma di solito mi garantiscono dei buoni prezzi di ingresso per dei long da sfruttare nei mesi a venire, anche in ottica dividendo) e poi se gli €€€ bastano qualche big bela liquida per il rimbalzone di fine giornata o del giorno dopo.

    Questa volta sono stato più sulle mid-caps, ho visto prezzi troppo alletanti! ;-)

Lascia un commento