Etf sui bond – Ora si può investire anche sull’andamento delle curve di Treasuries e Bund


Quattro diversi cloni consentono di puntare sull’irripidimento o sull’appiattimento delle “yield curve” Usa ed europee. Attenzione però alla leva molto elevata di 7.

Cedole & dividendi

Si parla tanto di curve dei rendimenti dei titoli di Stato Usa ed europei ma di fatto negli ultimi anni puntare sui loro andamenti è stato impossibile, data l’assenza di strumenti specifici. Ora tutto cambia, perché Lyxor quota da alcuni giorni anche su Borsa Italiana una gamma di quattro Etf che consentono un’esposizione alle “yield curve” riferite a Treasuries e a Bund.

I nuovi Etf, i primi del loro genere in Europa, sono concepiti per permettere un posizionamento sui cambiamenti attesi nell’evoluzione appunto delle curve. Questi prodotti sono in particolar modo rivolti a investitori professionali o dall’approfondita conoscenza dei mercati finanziari e si prestano a un investimento di breve/medio periodo, in considerazione dell’elevata sensibilità degli indici sottostanti alle variazioni della curva dei rendimenti.

Il Lyxor Us Curve Steepening 2-10 Etf (Isin LU2018762653) replica un indice che consente di beneficiare potenzialmente di un aumento del differenziale di rendimento tra i titoli di Stato americani a 2 e 10 anni, noto come “steepening” (irripidimento) della curva. Quest’ultima tende a essere più ripida quando i mercati prevedono un maggiore sostegno alla politica monetaria da parte della relativa Banca centrale, quindi in questo caso della Fed.

Il Lyxor Us Curve Flattening 2-10 Etf (Isin LU2018761762) permette invece un posizionamento basato sull’aspettativa di un appiattimento della curva dei rendimenti dei Treasury Usa a 2 e 10 anni.

La stessa tipologia di esposizioni si può ottenere sulla curva dei Bund tedeschi attraverso altri due strumenti: Lyxor Eur Curve Steepening 2-10 Etf (Isin LU2018760954) e Lyxor Eur Curve Flattening 2-10 Etf (Isin LU2018760012).

I quattro Etf si caratterizzano per un costo totale annuo (Ter) dello 0,30% e capitalizzano logicamente i proventi.

Gli indici di riferimento dei quattro Etf sono di Solactive AG e costituiti da una posizione lunga o corta su future riferiti ai titoli di Stato a 2 anni e a 10 anni. Sono stati strutturati in modo tale che, a fronte di un aumento di un punto base nella pendenza della curva dei rendimenti l'indice replicato aumenti (nel caso degli Etf “curve steepening) o diminuisca (nel caso degli Etf “curve flattening) di circa 7 punti base. Fattori come il cash drag, il compounding effect e i costi di rinnovo dei contratti future possono naturalmente influenzare tale moltiplicatore (7x).

Nessun commento

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento