Previsioni di Borsa con le Onde di Elliott e Fibonacci


Previsioni di Borsa con le Onde di Elliott e Fibonacci

Piano Bar di Virginio Frigieri                                                12/01/2020

Il Punto

Il nuovo anno ha coinciso con nuovi massimi del Dow Jones ma diversi elementi provano che il rally è alla fine o molto prossimo alla fine. Le misure aggregate di sentiment degli investitori mostrano un pluriennale ottimismo che è compatibile coi top di borsa. I prezzi delle obbligazioni trentennali hanno segnato il loro massimo lo scorso agosto e continuano a scendere. L’oro se non ha già fatto il suo massimo è vicinissimo a farlo e il Dollar Index ha realizzato il suo massimo il 1° ottobre e il calo da allora non è terminato. Per quello che riguarda il Dow Jones nello specifico il topping in formazione chiuderà contemporaneamente le onde quinte di quattro gradi d’onda: Intermedio, Primario, il grado Cycle, e Supercycle  e l’onda terza di GrandSupercycle. Anche sui mercati europei, è stato un buon 2019, ma è improbabile che il 2020 ripeta la performance. L’EuroStoxx50 è nelle fasi finali di un rally che è partito dal minimo del 27 dicembre scorso e le uniche borse che sono ancora nel bel mezzo di un trend rialzista iniziato dai minimi del 2018 sono quelle dell’area Asia-Pacifico.

Forse è giunto il momento di prepararsi a un cambiamento di tendenza che attualmente pochissimi investitori stanno prevedendo.

Nell’ultimo report R.Precther osserva che nel 1974, all’inizio dell’onda V di Cycle i rally di borsa erano relativamente brevi e non c’erano segnali di boom. Solo nella seconda metà del 1982 quando i tassi di interesse scesero bruscamente, il Dow Jones Industrial Average fece il suo primo passaggio definitivo ai nuovi massimi storici dal 1966. L'economia americana uscì dalla sua terza recessione in nove anni e il potenziale emerse per un boom pluridecennale. Nel corso del successivo quarto di secolo, i tassi di interesse hanno continuato a diminuire, e il Dow Industrials ha portato a una serie di nuovi massimi storici. Per due decenni, le uniche interruzioni all'espansione dell'economia americana sono state due contrazioni di otto mesi nel 1990-1991 e nel 2001. Il secondo è stato così lieve che le vendite e i prezzi delle case negli Stati Uniti in realtà sono aumentati nel corso di quell'anno. L’Onda 4 di grado primario da ottobre 2007 a marzo 2009 è stato un mercato orso con caratteristiche diverse, rispetto a quello della Grande Depressione. 

Al contrario delle precedenti recessioni, i prezzi delle abitazioni sono scesi maggiormente rispetto agli anni '30 e sono rimasti bassi fino al 2011. Questo relativo deterioramento è di importanza critica, perché, come abbiamo notato più volte, gli effetti negativi di un declino della quarta ondata si manifestano in più forma pronunciata nel mercato dell'orso che segue la fine della quinta ondata. Come spiega la socionomica (il principio dell'Onda applicato al comportamento sociale umano), "Il deterioramento iniziale durante la quarta ondata prepara il terreno per l'inversione finale."

Il picco che si avvicina non è solo la fine di un’onda 5,  ma chiude contemporaneamente le onde quinte di grado Primario, Cycle e Supercycle. L’onda quarta del 1929 (1929-1932 sul DJI e 1929-1949 sul ratio Doe/PPI) fu un’onda (IV) di Supercycle. L'inversione finale, di questo ciclo economico è un mercato dell'orso che è di un grado più alto della quarta del 1929 che ha fatto tanto per turbare le condizioni sociali ed economiche della Anni '30 e '40. I ricordi di quell'epoca sono ormai perduti da tempo, quindi il miglior punto di riferimento per molti investitori attuali è il mercato orso del 2007-2009, quando il Dow perse il 54% del suo valore.

Il prossimo mercato dell'orso farà sicuramente la sua comparsa nei primi anni di questo nuovo decennio, e sarà ancora più grande. Col tempo, la contrazione economica conosciuta come la Grande Recessione del ’29 sembrerà effimera al confronto.

C’è ancora da osservare una differenza di fondamentale importanza tra il prossimo mercato orso e l'ultimo del 2007. Questa volta il mercato obbligazionario sarà un partecipante completo, se non maggiore, alla carneficina finanziaria. Nell'onda primaria 4, i prezzi dei titoli del Tesoro USA sono aumentati e i rendimenti sono diminuiti, offrendo un veicolo di investimento che non ha perso valore. Nel prossimo mercato ribassista, i tassi di interesse sul debito debole, e in definitiva anche il debito sovrano più meritevole di credito, dovrebbero aumentare proprio come hanno fatto per un periodo durante l'onda (IV) di Supercycle negli anni '30, poiché gli investitori si preoccupano che il loro capitale possa essere a rischio. Una ragione importante è che i vincoli di liquidità che hanno fatto così tanto per ostacolare il settore finanziario nel 2008 saranno più gravi. Questa condizione è già visibile oggi anche se non ne parla nessuno, nella convulsione del mercato per i contratti di riacquisto interbancario, altrimenti noto come mercato dei pronti contro termine. Ne abbiamo già parlato su report precedenti: il sequestro del mercato dei pronti contro termine è una replica esatta di ciò che è accaduto nello stesso mercato nell'agosto 2007, appena prima dell'inizio della Grande crisi del credito. Quindi, come ora, è un evento furtivo ma fondamentale in un'imminente contrazione del credito che ridisegnerà il futuro di molte persone. Come si può vedere nel grafico sotto pubblicato sul mensile di Elliottwave International, quel precedente attacco di illiquidità era un “picchetto” rispetto a quello che sta attualmente traspirando. Il saldo di riserva dell'accordo di riacquisto settimanale della Fed è letteralmente esploso ed è ora a 255 miliardi di dollari, il 90% in più rispetto alla lettura di picco durante l'incidente del 2007-2009. Come abbiamo già detto c’è qualcosa che non va! . Nell'ultimo mercato orso, la Federal Reserve non ha fatto ricorso a iniezioni dirette fino a settembre 2008, quando il mercato orso aveva quasi un anno. Questa volta, il grafico del bilancio della Fed mostra che si sta già espandendo, ancor prima dell'inizio del mercato ribassista. L'indifferenza del mondo degli investimenti a questa palese anomalia del mercato dei pronti contro termine è un altro aspetto importante dell'attuale clima e mostra il potere dell'ottimismo prevalente. Ma è abbastanza chiaro che il salvataggio del mercato dei pronti contro termine rappresenta un altro forte indizio del potenziale di eccezionale forza nel prossimo trend ribassista.

Come abbiamo detto in altre circostanze nel prossimo ambiente il denaro contante sarà l’unica risposta per sopravvivere: ma dal prossimo grafico è evidente un epico disprezzo per il denaro tra gli investitori e i gestori di fondi. Il piccolo grafico centrale mostra le partecipazioni del mercato monetario in percentuale sul totale delle attività rialziste detenute dagli investitori del fondo comune d’investimento Rydex.

Le linee tratteggiate evidenziano i minimi estremi nelle attività dei fondi monetari e la loro vicinanza ai massimi del mercato azionario, mentre la curva in basso mostra il rapporto tra la liquidità e l e attività detenute dai gestori di fondi comuni azionari statunitensi dall’istituto delle società d’investimento. Anche in questo caso siamo fuori come i copertoni. In passato in corrispondenza ad ogni massimo del mercato azionario la liquidità scendeva attorno al 4%. Poi negli ultimi sette anni siamo stati sempre sotto fino a toccare lo scorso novembre il minimo record di tutti i tempi al 2,8%.

Le ripercussioni di un mercato orso creeranno cambiamenti drammatici per molte industrie e gruppi sociali. Il settore dei fondi pensione è uno dei primi candidati per una profonda revisione dal momento che il suo status è già molto precario adesso, nonostante il boom finanziario. Lo scorso 31 dicembre un articolo su USA Today denunciava che “nonostante i guadagni di borsa quest’anno i piani pensionistici statunitensi sono vicini al peggior risultato finanziario degli ultimi due anni”. Ma del resto è ovvio: se un mercato toro sull’azionario va avanti così a lungo e dall’altra parte l’obbligazionario spinge verso rendimenti negativi, è inevitabile che i fondi pensione che un tempo vantavano portafogli conservativi, vengano spinti ad abbracciare le azioni come un investimento sicuro e questa diventa l’anticamera del disastro. Ad aggravare la situazione va poi osservato che molti fondi hanno deciso dopo il 2008 di compensare trasferendosi in attività alternative ancora più rischiose. Così diversi fondi pensione pubblici degli Stati Uniti per tentare di compensare la loro peggior performance degli ultimi sei anni stanno aumentando le scommesse sugli hedge fund e sugli immobili ad alto rischio. I fondi pensionistici pubblici stanno alzando la posta in gioco con la classica strategia "double down". Chiedete a qualsiasi giocatore d’azzardo e vi dirà che non funziona mai. E la dimensione del loro attuale deficit dimostra che finora non ha funzionato.

Per compensare, i fondi si sono avventurati in attività alternative, come dimostra il grafico dell'asset allocation delle casse pensioni pubbliche. Alla fine del terzo trimestre, gli investimenti alternativi come il private equity e chissà cos’altro costituiva il 5,6% dei portafogli delle casse pensioni pubbliche, un nuovo record. Con il 47,3% nel 2019, le azioni superano l'allocazione del picco del mercato azionario del 2007. Tutto questo mentre il mercato toro entra nel suo undicesimo anno, i piani pensionistici statali e locali si accumulano sul rischio cercando di recuperare i deficit; come nel 2008, i fondi pensione stanno raddoppiando e ancora una volta, la strategia si rivelerà un miserabile fallimento.

Purtroppo per i contribuenti americani, le promesse fatte dai fondi pensione gestiti dal governo non possono essere annullate, almeno non ancora. I fondi pensionistici pubblici del Connecticut e dell'Illinois sono riconosciuti come disastri in corso, e avranno sicuramente un'azienda altrove quando i valori delle attività evaporeranno. L'enorme portata del disordine delle casse pensioni è evidente nello stato della California: il California Public Employees' Retirement System è un fondo di 372 miliardi di dollari per  i dipendenti pubblici delle citta e delle scuole dello stato della California.

Delle 471 città coperte, 337 non hanno il patrimonio per pagare le future prestazioni sanitarie dei  pensionati, e quasi la metà non risparmia abbastanza per versare i contributi per la pensione. Alcune città stanno addirittura prendendo in prestito denaro per pagare gli obblighi pensionistici, mentre altri stanno tagliando i servizi della città. Il mercato Orso finirà per trasferire la pratica dei tagli ai fondi privati verso i fondi pubblici, ma il concetto è ancora in gran parte vietato tra la classe politica americana. Né può essere legale. Nel 2015, la corte suprema dell'Illinois ha respinto le proposte di tagli per i dipendenti esistenti. In Europa, dove il mercato orso è più consolidato, si stanno tentando riforme.

L'ultimo sforzo è in Francia, dove il presidente Emmanuel Macron giura di andare avanti a tutti i costi:

“Protesters and Riot Police Take to the Streets of Paris to Demonstrate Against Pension Reforms”

 “I manifestanti e la polizia antisommossa scendano per le strade di Parigi a dimostrare contro le riforme pensionistiche”

—Daily Mail, January 4, 2020

Secondo gli ultimi sondaggi il 61% del pubblico francese (perfetto Golden ratio) sostiene il movimento di protesta di un mese. In Cile, anche i pensionati infelici sono scesi in strada. La situazione pensionistica cilena è un importante banco di prova globale. La pensione del Cile è stata in passato lodata come la “Mercedes Benz” dei sistemi pensionistici ed è stata copiata da più di 30 paesi in tutta l’America latina, nel sud-est asiatico e in alcuni paesi dell’Europa Orientale. Oggi un ex ministro delle Finanze cileno dice: "L'elastico è già stato allungato, e non so a che punto si spezzerà". Non illudetevi: si romperà, e sarà seguito da un crollo delle pensioni in altri Paesi. Il sito web MSN.com stima approssimativamente la carenza globale di pensioni a 400 trilioni di dollari (400.000 miliardi).Purtroppo la struttura delle onde sul Dow Jones Industrial indica che non si avvicinerà mai ad essere pagata.

Indici Azionari USA

Terminata la disamina generale, passiamo ai nostri grafici. Ho dovuto cambiare software perché nelle vecchie release di Tradestation avevano lasciato un “Millennium bug” a scoppio ritardato per cui l’anno 20 viene interpretato come 1920 anziché 2020. Ora prima che tutti lo sviluppo di questi anni su Tradestation possa essere trasferito e funzionante dall’altra parte ci vorrà un pò di tempo, ma come sempre nessun cambio di software è mai completamente trasparente e indolore.

Sugli indici americani c’è poco da aggiungere passo alle immagini.

Previsioni di Borsa : Bond USA rendimenti e prezzi

Il trentennale americano sta nuovamente provando a rompere la trendline. Quando lascerà in modo deciso la fasci di prezzo in cui congestiona ora avremo un’accelerazione al ribasso verso 152 primo target.

Previsioni di Borsa : Dollar Index , EUR/USD

Le ultime sedute al rialzo sembrano configurare un a-b-c che potrebbe essere un’ulteriore onda 2 di grado inferiore oppure l’onda c della (ii) che per ora ho lascito ferma indietro in attesa di capire meglio come sta evolvendo il modello. Un muovo minimo sotto 96,355 confermerebbe l’impianto ribassista.

L’euro ovviamente risponde al recupero del dollaro indebolendosi fino a toccare 1,1085. Se stiamo ragionando giusto,  i prezzi dovrebbero tornare a salire molto presto.

Previsioni di Borsa : Oro e Argento

Sull’oro a questo punto dovrebbe mancare l’ultimo acuto, verso i 1670, ma il problema è che il modello d’onda può essere considerato completo giè così. In altre parole se si scende dal grafico daily al grafico a 2 ore, su quest’ultimo è già possibile contare un’onda [i] al ribasso e un onda [ii] di rimbalzo, ragion per cui il massimo potrebbe anche essere già stato fatto. A questo punto ognuno si regoli come crede. L’onda [ii] dovrebbe concludersi intorno ai 1570$. Arrivati lì se non trova il colpo di reni per andare oltre e torna indietro penso che chiuderò la posizione. Poi se qualcuno vuole provare a restar dentro, potrebbe liquidare solo mezza posizione. Liberi tutti.

L’altro aspetto che mi mette dubbi sull’oro è che sull’argento l’onda X pare completa e quindi per cui se fosse così non potrebbe accompagnare un ulteriore rialzo dell’oro. A meno chè , il modello in formazione non sia l’ennesimo triangolo. In questo caso W ed X potrebbero essere le prime due onde A e B di un triangolo che a quel punto aprirebbe la strada effettivamente ad una quinta ondata rialzista che potrebbe accompagnare l’oro.

Situazione tutta da seguire!

alla prossima

Un commento

I commenti dei lettori

Un commento

  • Gianrenzo A.
    13 Gen 2020

    errare humanum est, perseverare autem diabolicum

Lascia un commento