L’indiscreto di Borsa: ● Cina, super Cina, ecco come ● Disastro blockchain ● Bolla? Per Allianz non c’è ● Azioni Usa a buon mercato


Cinque Etf per seguire il trend positivo delle Borse di Pechino e dintorni. Le azioni delle “catene a blocchi” sono in difficoltà: cosa si dice a Wall Street. Il report mensile della società tedesca esclude sopravalutazioni nell’azionario, pur consigliando prudenza. Otto stocks con p/e interessanti.   

Hot markets

Dalla rivoluzione industriale, il mondo occidentale ha dominato lo sviluppo della scienza e della tecnologia. Le nazioni asiatiche, con la Cina in testa, stanno però sfidando l'egemonia dell'Occidente in diverse aree, tra le quali tecnologie informatiche, trasporti e biotecnologie. La crescita cinese, che si sta convertendo in una superpotenza concentrata sui settori ad alto valore aggiunto, non ha solo messo in discussione il ruolo di Usa ed Europa come guide scientifico-tecnologiche ma ha abbattuto la convinzione che una democrazia piena sia un prerequisito per crescita e prosperità”. Lo si legge in un documento riservato di Pictet AM, secondo cui è però difficile prevedere gli equilibri futuri. Tutti i maggiori leader dell’industria finanziaria ammettono comunque di essere un po' in ritardo in questo passaggio, complice certamente l’emergenza da epidemia.

Analizzando lo Shanghai Composite, uno dei tanti indici che caratterizzano il complesso mondo borsistico cinese si osserva come le quotazioni in corso si stiamo muovendo su livelli importanti, gli stessi già toccati a fine 2015 e nel 2018. Il 2015 fu un anno caratterizzato da un’estrema volatilità, con massimi a 5200 punti, minimi a 2850 e poi con un rimbalzo a dicembre fino a 3500 punti, la stessa quota in cui si colloca ora. Negli ultimi mesi il volume degli scambi è cresciuto di molto e ora si è in una fase importante: se proseguisse l’“upside” si confermerebbe il ruolo di Pechino e Shanghai quasi di dominatori a livello mondiale, mentre se iniziasse una correzione scatterebbe un bel segnale per avviare accumuli su livelli di prezzo via via più bassi. In conclusione oggi la Cina è fondamentale per qualsiasi portafoglio e rompe l’equilibrio dualistico fra Usa ed Europa, il che fa già di per sé bene in chiave di diversificazione del rischio.

Quale impostazione dare a un piano di investimenti sul mondo dell’ex Impero giallo? Le modalità possono essere varie ma sulla prima linea, se si escludono i fondi, l’unica vera alternativa consiste negli Etf. Torniamo su questo tema, già trattato in passato, perché la percentuale di Cina deve aumentare e puntare su una differenziazione degli asset. Oggi ve ne proponiamo cinque.

Il migliore azionario a un anno

Etf

Isin

Sottostante

Perché

Xtrackers Csi 300

LU0779800910

Indice riferito ai 300 titoli a maggiore capitalizzazione della classe A

La classe A comprende azioni di società con sede in Cina, quotate in renminbi e scambiate sulle borse di Shanghai e Shenzhen. A un anno l’Etf ha registrato una performance del 36,5%, la migliore in assoluto fra tutti quelli sulla Cina

Volendo puntare sul Cny

Etf

Isin

Sottostante

Perché

iShares China Cny Bond

IE00BYPC1H27

Obbligazioni di Stato cinesi espresse in Cny. La valuta di denominazione dell’Etf è comunque l’Usd

Sono quattro gli Etf con sottostanti obbligazioni in Cny. L’iShares è quello con maggiore capitalizzazione

Tecnologie “gialle”, imprescindibili

Etf

Isin

Sottostante

Perché

Hsbc Hang Seng Tech

IE00BMWXKN31

L’azionario tecnologico anche minore delle Borse cinesi con valuta di denominazione il dollaro di Hong Kong

Il futuro è qui ma anche il presente, vista la forte volatilità di un Etf che si presta a diverse strategie

Il “green” fa passi da giganti

Etf

Isin

Sottostante

Perché

Ubs China Esg

LU1953188833

Azionario cinese catalogato come sostenibile

Un sottostante in forte sviluppo ma che da metà febbraio vive un “pull back” piuttosto violento

Quello con valuta di denominazione l’euro

Etf

Isin

Sottostante

Perché

Amundi China Eur

LU1681043912

L’indice China H replica le maggiori capitalizzazioni presenti sulla Borsa di Hong Kong

Un modo diverso di interpretare questo mercato, evitando il rischio cambio. La valuta di denominazione è infatti l’euro

► Disastro blockchain!

Giù verticalmente. Gli Etf sulla blockchain hanno subito un vero e proprio crollo venerdì. L’Invesco Global Blockchain (Isin IE00BGBN6P67) ha perso per esempio il 10,1% e movimenti simili hanno interessato altri replicanti non quotati in Italia. Cosa è successo? Gli analisti d’oltre Oceano hanno guardato con preoccupazione a una debolezza strutturale dell’intero settore, così interpretata a mezza voce:

1°) C’è una bolla, effetto della precedente corsa esasperata delle quotazioni, guidate più da un eccesso speculativo che dai fondamentali.

2°) Si teme che le criptovalute, fortemente collegate al boom della blockchain, possano entrare in una fase di ripiegamento.

Una sensazione che si avverte a Wall Street è che si stia ripetendo – pur in formato minore – il collo delle dot.com di inizio 2000. In realtà c’è anche chi mette in relazione le vicende in corso con le incaute dichiarazioni delle Banche centrali (Bce in primis!) sulla regolamentazione delle monete digitali. Qualcuno ipotizza addirittura un divieto di vendita delle cripto al retail e il mercato ha subito reagito, portando a casa i profitti conseguiti.

Le indiscrezioni vedono quindi una possibile ulteriore fase di vendite, dovute al fatto che le blockstocks sono troppo correlate, nell’interpretazione degli investitori, alle speculazioni sulle valute digitali, trascurando invece le applicazioni più consolidate e legate a banking, cybersecurity e altri business. La violenza del movimento di venerdì fa temere che sia l’inizio di una fase ribassista, che potrebbe proseguire per qualche tempo.

► Bolla azionaria? Per Allianz non c’è

La discussione in corso sul rischio che i mercati azionari siano entrati in una fase di ripiegamento strutturale, conseguenza da una parte delle quotazioni molto elevate e dall’altra dell’impressionante rialzo dei rendimenti obbligazionari in dollari trova posizioni talvolta esasperate. Una strada di mezzo è quella della tedesca Allianz, uno dei maggiori gruppi assicurativi e di asset management a livello mondiale. Il suo tradizionale report mensile fotografa così la situazione: “Soltanto alcuni settori azionari presentano valutazioni eccessive, mentre tra le obbligazioni governative si registra ancora una generale sopravvalutazione. Pertanto è preferibile continuare a sovrappesare le azioni rispetto alle obbligazioni, pur sempre con cautela. Dal complesso dei mercati azionari globali non emergono segnali forti in termini di formazione di bolle e l’outlook rileva che più efficace sarà la campagna vaccinale, più concrete risulteranno le prospettive di una riapertura. Pertanto gli investitori guarderanno probabilmente con maggiore interesse alle società duramente colpite dalla pandemia, mentre i titoli favoriti dallo “stay at home” potranno verosimilmente perdere slancio”.

 ► Cerchiamo un po' di azioni a buon mercato

Se siete convinti, per tanti motivi, che il mercato d’eccellenza resti Wall Street, siamo andati a trovare titoli che in qualche modo si possano ancora considerare “cheap”. Così almeno dicono i numeri riferiti al p/e (ratio prezzo/utili, calcolato dividendo la quotazione per gli utili rapportati ad ogni azione - earnings per share). Ne abbiamo individuati otto fra le maggiori capitalizzazioni.

Azione

Mercato

/ Ticker

Prezzo / P/e

Perché

Altria

Nyse / MO

45,1 $ / 9,9

Con una capitalizzazione di 83 miliardi di $ ha un dividend yield elevato (circa 8%).Il titolo non è salito molto rispetto ai minimi del 2020

Dalle sigarette (il marchio più noto Marlboro) è cresciuta nel campo di quelle elettroniche e della cannabis, con l’acquisizione di Cronos Group. Il mercato è stato finora poco favorevole ai suoi tentativi di diversificare il business e la scommessa sul titolo è tipicamente contrarian  

Best Buy

Nyse / BBY

102,8 $ - 14,7

Con una capitalizzazione di 26 miliardi di $ nelle ultime sedute ha subito un forte calo della quotazione

È il più grande rivenditore al dettaglio di elettronica da consumo negli Stati Uniti (21% del mercato). Ci si aspetta trimestrali in miglioramento nel 2021 e nel 2022

DaVita

Nyse / DVA

105,5 $ - 13

Con una capitalizzazione di 11 miliardi di $ nelle ultime settimane ha registrato un declino della quotazione

Dispone di oltre 2.700 centri di dialisi negli Stati Uniti. E’ controllata al 33% da Berkshire Hathaway, che punta su una crescita degli utili

DXC Tech.

Nyse / DXC

27,3 $ - 11,8

Con una capitalizzazione di 7 miliardi di $ dai minimi del marzo 2020 è inserita in un canale rialzista sempre più compresso

È il frutto della fusione tra Computer Sciences Corp. e Hewlett Packard Enterprise Services. Dopo una mancata acquisizione da parte del gruppo francese Atos, DXC vuole crescere per via organica

Fox

Nasdaq / FOX

39 $ - 12,5

Con una capitalizzazione di 23 miliardi di $ è andata in direzione opposta al sentiment del mercato, registrando una fortissima accelerazione al rialzo da novembre 2020

Scorporato dalla 21st Century Fox prima della fusione della società con Disney, questo pezzo dell'impero mediatico di Rupert Murdoch è costituito dalle attività riferite alle trasmissioni via aerea o cavo, escluse dal matrimonio. Guarda ora a nuovi sviluppi tecnologici

Lumen

Nyse / LUMN

13,5 $ - 9

Con una capitalizzazione di 14,7 miliardi di $ nel 2021 ha segnalato altissima volatilità tornando sui massimi di inizio 2020

Attiva nel campo delle piattaforme tecnologiche prevede servizi molto avanzati per i propri clienti ma ne sta sviluppando di nuovi e su questo si punta in ottica di incremento di valore dell’azione

Pfizer

Nyse / PFE

34,4 $ - 13,2

Con una capitalizzazione di 192 miliardi di $ soffre da mesi e potrebbe scendere sul supporto di 32 $

Il vaccino Covid, sviluppato assieme a BioNTech, non ha avvantaggiato i conti della società. La scommessa sulle evoluzioni è aperta

Verizon

Nyse / VZ

56 $ - 11,1

Con una capitalizzazione di 232 miliardi di $ dall’autunno 2020 ha corretto non poco ma nelle ultime settimane sta cercando di riprendere vigore

Leader della telefonia Usa ha finora deluso ma la diffusione della tecnologia 5G, di cui è capofila, migliorerà la situazione finanziaria, meno appesantita fra l’altro da forti debiti rispetto ad altre protagoniste del settore

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 3 giorni!