Emerging markets primi nelle performance d’investimento 2017. L’onda lunga proseguirà?

Altro che S&P 500 o Dax! Altro che Treasuries o Btp! I rendimenti sono venuti quest’anno dall’area emergente. Dati e situazioni a confronto.

Cedole & dividendi

La rubrica della domenica è “free”; i contributi degli altri giorni sono disponibili solo per gli abbonati.

Cosa ha prevalso e cosa ha perso colpi nella classifica delle performance d’investimento 2017 riferite ai primi tre trimestri fra le varie asset class? Ci siamo esercitati in un po’ di calcoli, che hanno portato a questa classifica strutturata per aree di rendimento.

Oltre il 25%

Azioni mercati emergenti

Dal 10 al 25%

Oro

Dal 5 al 10%

Azioni Usa

Azioni large cap worldwide

Azioni worldwide

Azioni media capitalizzazione worldwide

Azioni area euro

Azioni piccola capitalizzazione worldwide

Petrolio Brent

Azioni Gran Bretagna

Bond high yield Europa

Bond corporate Paesi emergenti

Dallo 0 al 5%

Azioni Giappone

Obbligazioni corporate worldwide

Obbligazioni convertibili worldwide

Treasuries Usa

Petrolio Wti

Obbligazioni corporate area euro

Obbligazioni corporate Europa

Titoli di Stato worldwide

Titoli di Stato Spagna

Da 0 a -10%

Titoli di Stato Europa

Titoli di Stato Italia

Obbligazioni inflation linked area euro

Titoli di Stato Germania

Yen giapponese

Sterlina inglese

Oltre il -10%

Dollaro Usa

Dunque le azioni dei Paesi emergenti in primissimo piano nelle performance d’investimento 2017, come molti avevano previsto. E ora?

Templeton Emerging Markets Group, formato da analisti specializzati in questo settore all’interno di Franklin Templeton Investments, una delle più grandi società di gestione indipendenti del mondo, ha una visione precisa delle possibili evoluzioni future. Le riassumiamo.

1°) Gli utili societari delle società dei mercati emergenti hanno evidenziato una crescita forte e sincronizzata, conferendo alle relative azioni fondamentali convincenti. Per esempio, negli ultimi trimestri parecchie società Internet cinesi hanno registrato utili costantemente superiori alle previsioni del mercato. Nell’est Europa invece un rimbalzo dei prezzi delle materie prime ha determinato revisioni positive dei profitti delle società legate ai settori dell’energia e dei metalli in Russia.

2°) Si valuta favorevolmente il mercato automobilistico cinese. Il rafforzamento della classe medio alta ha continuato ad alimentare la domanda di vetture di lusso, in quanto gli acquirenti prestano maggiore attenzione alla qualità e alle prestazioni. Sebbene la Cina sia il maggiore mercato mondiale delle quattro ruote, le percentuali di proprietà di veicoli rimangono piuttosto basse rispetto ai Paesi sviluppati, il che indica potenzialità di ulteriore crescita.

3°) Lo sviluppo economico indiano rimane forte nel contesto globale, nonostante una leggera decelerazione nel secondo trimestre. La domanda di consumo ha rappresentato un propulsore fondamentale della crescita negli ultimi trimestri e il suo aumento, dopo il periodo delle festività di ottobre, potrebbe sostenere ulteriormente l’ultima parte del 2017.

E le prospettive? Templeton Emerging Markets Group resta ottimista circa le opportunità dei mercati emergenti nel clima attuale, ma è al contempo consapevole dei potenziali rischi. Le tensioni nella penisola coreana hanno fatto preoccupare. Uno scoppio di violenza potrebbe avere ramificazioni globali, con particolare impatto sull’Asia settentrionale. Questa minaccia esiste comunque da molto tempo e la maggior parte degli investitori, che hanno familiarità con la regione, ci si è abituata.

Il segmento tecnologico è particolarmente interessante, dato che parecchie società dei mercati emergenti stanno diventando operatori leader nello sviluppo di soluzioni di prim’ordine.

Passando ai singoli fronti, il Brasile ha registrato un consistente incremento a due cifre, alimentato dall’allentamento della politica monetaria, dall’apprezzamento del real rispetto al dollaro statunitense, dalle speranze di riforme continue e da prezzi delle materie prime più elevati. In America Latina poi Cile e Perù sono stati anch’essi protagonisti brillanti, sulla scia di sviluppi politici incoraggianti, di progressi della crescita economica nel secondo trimestre e – per quanto riguarda il Cile – del rafforzamento del rame.

Una solida stagione degli utili ha sostenuto la Russia, in combinazione con un rialzo dei prezzi del petrolio e un primo parziale apprezzamento del rublo. In Europa, Ungheria e Polonia hanno anch’esse guadagnato terreno. Il mercato cinese è stato pure sostenuto da una robusta stagione degli utili. Tra gli altri fattori vi sono stati gli afflussi da parte di investitori esteri e la robusta crescita economica nel secondo trimestre, supportata dalla forza della produzione industriale, dalle vendite al dettaglio e dagli investimenti in immobilizzazioni.

In Asia, il contesto tailandese ha messo a segno un guadagno a due cifre sulla scia di una crescita economica più forte del previsto, sostenuta da esportazioni e turismo.

In Africa, i mercati hanno segnato modesti incrementi nel terzo trimestre. Il Sudafrica è salito, ma ha sottoperformato gli altri protagonisti globali poiché continua a risentire della debolezza del rand, dell’incertezza politica e dei deflussi di capitali.

Le azioni infine dei mercati di frontiera si sono anch’esse rafforzate, mettendo a segno performance sostanzialmente in linea con quelle delle controparti dei mercati emergenti.

Un portafoglio di Etf per gli emergenti

Dopo l’analisi di Templeton ecco una proposta di Etf per operare sui mercati azionari di questo contesto, con le performance d’investimento 2017 da inizio anno.

Mercato

Etf

Isin

+/- da 1/1/2017

Cina

Lyxor China Enterprise

FR0010204081

+16,1%

India

Amundi Msci India

FR0010713727

+17,4%

Thailandia

Db X-Trackers Msci Thailand

LU0514694701

+11,0%

Vietnam

Db X-Trackers Ftse Vietnam

LU0322252924

+14,3%

Indonesia

Lyxor Ucits Msci Indonesia

FR0011067511

+3,2%

Malesia

Db X-Trackers Msci Malaysia

LU0514694370

+4,9%

Russia

Lyxor Russia

FR0010326140

-5,3%

Messico

Ishares Msci Mexico Cap

IE00B5WHFQ43

+4,8%

Brasile

Amundi Msci Brazil

LU1437024992

+8,7%

Sud Africa

Ishares Msci South Africa

IE00B52XQP83

+3,6%

Frontiera

Db X-Trackers S&P Sel Frontier

LU0328476410

+18,5%

E le obbligazioni emergenti invece…

Altro comparto interessante nelle performance d’investimento 2017. Su questo fronte l’analisi che proponiamo è di Schroders ISF Global Credit Income, la quale fotografa così il quadro dei mercati: “Il debito emergente rappresenta un comparto che merita attenzione. Secondo la nostra analisi del ciclo economico, diverse economie stanno infatti entrando in una fase di accelerazione. Questo dovrebbe essere il periodo in cui poter vedere i ritorni migliori per le obbligazioni societarie high yield dei mercati emergenti, visto che i default hanno raggiunto il picco e dovrebbero iniziare a diminuire. Oltre ai maggiori livelli di scambi commerciali globali che hanno aiutato a sostenerne la crescita, ci sono stati anche miglioramenti interni. Alcuni dei cambiamenti più notevoli sono avvenuti sul fronte politico, attraverso cambi di regime seguiti da riforme. Il contesto economico è quindi favorevole, ma anche le dinamiche positive dei fondamentali sono di supporto. I rendimenti nel segmento dei titoli societari emergenti sembrano attraenti, rispetto ai corrispettivi bond corporate dei mercati sviluppati. Il Brasile ha un outlook particolarmente positivo, secondo il nostro modello di analisi. Gli scambi sono migliorati notevolmente, il Governo attuale è più aperto ai mercati e sta promuovendo diverse riforme nonché, soprattutto, il Paese è interessato da un trend disinflattivo abbastanza forte.

La disinflazione è particolarmente interessante per gli asset sensibili ai cambiamenti dei tassi di interesse ed è diventata una forza per molte economie emergenti. Il tasso annualizzato dell’inflazione dei prezzi al consumo del Brasile è diminuito, passando dal 9% di agosto 2016 – l’ultimo mese in cui l’inflazione è cresciuta in Brasile – al 2,5% di settembre 2017. La Banca Centrale ha ancora spazio di manovra per allentare la politica monetaria, cosa che dovrebbe supportare i fondamentali economici in futuro.

La Russia, in maniera simile, ha visto un forte trend di disinflazione: dal picco del 16,9% raggiunto a marzo 2015, l’inflazione è scesa al 3% a settembre 2017. La Banca Centrale ha tagliato i tassi di interesse dal 17% del dicembre 2014 all’attuale 8,25%.

Anche i titoli di Stato dell’Argentina sono attraenti. Questo Paese si trova su una traiettoria positiva dopo l’elezione nel 2015 del Presidente Macri, più aperto ai mercati rispetto al predecessore, e ha visto un rimbalzo delle attività del settore edilizio e della produzione industriale. Ci piacciono infine altri titoli di Stato dell’America Latina, come quelli dell’Ecuador”.

Nessun commento

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento