Volete uccidere l'AIM ? Siete sulla buona strada....

AIM sembrava una carta vincente. Una valanga di matricole bussava e bussa alle porte. Ha goduto, e gode, anche di quella spettacolosa normativa sui PIR. Ma l' AVIDITA' umana, causa di tutti i mali come diceva anche S.Paolo, ha colpito duramente.

Le ultime quotazioni hanno complessivamente MOLTO deluso, sia come SPAC che come semplici azioni.

La Spac di Palladio non è stata assistita neppure nei primi giorni ed ha subito perso quota 10 euro, pur tenendo conto dei warrant distribuiti gratuitamente vi è una (piccola) perdita. Analoga sorte per quasi tutte le altre SPAC se si escludono,  due sole operazoioni  quella di Corrado Passera e Alpi.

Ma sono le quotazioni delle piccole società sull'AIM che hanno deluso. Spesso contro le dotte analisi di molte banche e SIM. Vediamo infatti ancor oggi DBA o Neodecortech sotto il prezzo di sottoscrizione e situazione analoga per la maggior parte delle neo quotate.Acune erano poco piu' di scatole vuote con belle promesse ma altre giustificavano l'acquisto per il loro gruppo dirigente.

Tra le ultime, come ciliegina, KolinPharma che, quotata venerdì non è riuscita a chiudere la giornata di esordio  almeno al prezzo di emissione delle azioni (anche se per pochissimo). Eppure opera in un settore (integratori alimentari) in forte progresso e con una richiesta di azioni interessante in sede IPO al punto che avevano fissato un prezzo esattamente intermendio tra minimo e massimo..Segno  che l'interesse  a 7 euro  esisteva.Ma hanno chiuso  pochissimi centesimi sotto ,per di piu' senza scambi altisonanti. 

Questa valanga di brutte notizie mostra l'assoluta INCAPACITA' delle SIM e delle banche che portano le neo matricole in Borsa a fare una buona operazione. In USA, come ricordato da venti anni su queste colonne, l'emissione delle azioni (a maggior ragione per le piccole quantità quotate sull'AIM rispetto al totale del capitale) è una sorte di PROMOTION della società. Se l'esordio è stato buono gli azionisti saranno ben contenti di seguire la società in futuro e sottoscrivere nove azioni. Denaro provoca denaro....

Invece l'avidità ed il disinteresse sull'esito del post-classamento regnano sovrani, UNO SCHIFO. Una società (piccola) incassa mediamente 5 milioni di euro quotandosi sull'AIM  Fa  fatica nelle prime giornate a mantenere almeno la quotazione cui ha emesso i titoli impegnando, tramite compagnie di comodo legate a chi le ha portate in Borsa, un 5% di quanto incassato per evitare UNA FIGURACCIA ? I nomad & Co, non possono chiedere alle matricole di evitare prezzi di emissioni siderali che proiettano pesanti ombre sul mercato anche nei confronti di valide societa' quotate ?

Ormai l'AIM è paragonato ad un purgatorio. Si aspetta il passaggio di SPAC e azioni (Giglio, Orsero, Triboo, etc. etc.) su MTA come una liberazione.

L'idea  dell'AIM è OTTIMA ma va accompagnata da un attento controllo dei prezzi di emissione. E la società quotata, specialmente se valida, NON va abbandonata.Sembra proprio che invece domini la vecchia frase "prendi i soldi (delle commissioni) e scappa".

(L'autore del presente articolo non è iscritto all'ordine dei giornalisti e potrebbe detenere i titoli oggetto dei suoi articoli)

Nessun commento

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 3 giorni!

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento