Bond yield: due strategie per vincere con il dollaro, se…

Fase di attesa ma molto interessante per il biglietto verde. Se confermasse il trend di rafforzamento si può puntare o sui Treasuries corti o sui corporate a elevato rating ma con scadenze lunghe. In questo caso con un Pac.

Cedole & dividendi

Il vecchio supporto degli 1,1588 per l’€/$ ha subito un leggero assestamento, con una discesa verso gli 1,15, sebbene nei movimenti intraday, che per vari giorni hanno trovato appunto su questo appoggio di brevissima durata (di fatto iniziato il 29 maggio) una conferma del possibile proseguimento del trend di rafforzamento per il biglietto verde, ora però attenuatosi. Proprio la seduta odierna lo testimonia con rapidi movimenti all’insù e all’ingiù, alla ricerca di una direzionalità che sembra decelerare. Cosa succederà però nel medio e lungo termine? Opinioni del tutto contrastanti da parte dei maggiori analisti che intravedono la creazione di un cuneo ribassista per l’€/$, con possibili supporti su 1,1508 e poi su 1,1431, in un‘ottica però di puro Forex. Per l’obbligazionista la situazione è differente, dovendo guardare a obiettivi ben più consistenti in termini di tempo.

L’analisi grafica fornisce oggi questa fotografia, utilizzando la periodicità mensile, sempre utile per identificare le fluttuazioni di lungo periodo:

Quotazione attuale

1,156 – 1,157 €/$

Media mobile 20

1,1504

Media mobile 50

1,1547

Media mobile 100

1,2456

Media mobile 200

1,2509

La rilevazione dimostra vari elementi importanti: 1°) la 200 non si è ancora inclinata verso il basso; 2°) la 100 e la 200 si sono appena incrociate, con la 100 scesa sotto la 200; 3°) la 50 e la 20 stanno per incrociarsi; 4°) ci sono quindi tre aree: l’€/$ si trova attualmente compresso fra l’intersezione 100/200 e 50/20, ma molto più vicino alla seconda che alla prima, quindi in una zona intermedia, in cui solo una decisa (e forse imminente?) rottura degli 1,15 e una discesa verso gli 1,14 confermerebbero come chiaro segnale di debolezza per la nostra moneta. Qualcosa quindi di evidente almeno sul fronte del cambio si sta evidenziando. I prossimi giorni potrebbero fornire indicazioni più chiare sui trend futuri, complice la confusa politica europea.

Quali bond acquistare

Il problema sta però nell’identificare quali tipologie di obbligazioni scegliere nel caso il rafforzamento del dollaro proseguisse con indicazioni nette. Eccone due:

1°) Treasuries molto corti

Il forte spostamento verso l’alto dei rendimenti della parte corta della curva Usa, in atto da mesi, porta a valutare con interesse i titoli di Stato Usa da un anno a due anni e mezzo di vita residua. Questi alcuni esempi, che dimostrano come di fatto non ci siano differenze di rendimento nei tre singoli casi.

Isin

Titolo

Prezzo

Yield lordo

US912828F627

Usa T-Note 1.5% 31ot19

98,74 $

2,46%

US912828H524

Usa-T-Note 1.25% 31ge20

98,15 $

2,44%

US912828S273

Usa T-Note 1.125% 30gn21

96,17 $

2,45%

2°) Pac su lunghi ed extralunghi con buoni rating

La decisa correzione delle quotazioni delle emissioni riferite a società corporate Usa con scadenze lunghe o molto lunghe fa ipotizzare l’avvio di Pac (piani di acquisto su progressive diverse quotazioni) tendenti ad aumentare i rendimenti nel caso di ulteriori pressioni ribassiste, dovute all’inasprimento della politica monetaria Fed. Queste alcune possibilità (a piccolo taglio) utili per chi volesse praticare tale ipotesi operativa.

Isin

Titolo

Prezzo

Yield lordo

US037833BZ29

Apple 2,45% 04ag26

91,6 $

3,66%

US037833CD08

Apple 3,85% 04ag46

94,2 $

4,20%

US00206RBH49

At&T 4,3% 15dc42

86,2 $

5,31%

US822582BT82

Shell Int Fin 2,875% 10mg26

95,1 $

3,60%

Rating – Apple AA+ / At&t BBB / Shell A+

Il tema è molto ampio e ci torneremo nelle prossime settimane.

2 Commenti

I commenti dei lettori

2 Commenti

  • Lorenzo R.
    29 Giu 2018

    Gliene potrei fornire a decine ma quasi tutte trattate sul mercato "Otc". Di quotate in Italia con alto rating e cedola accettabile (inoltre a piccolo taglio e con quotazione sotto o sulla pari) c'è la Amazon (AA-) 4.250% Callable 22ag57, che però è lunghissima, scambia poco e ha spread folli. Ieri si è comprata a 98,4 ma oggi nessuno la tratta salvo il liquidity provider. Il matrimonio alta cedola/alto rating non è semplice e credo che quanto consigliato nell'articolo sia il modo migliore per giungere a un compromesso accettabile. Non so se l'ho accontentata?

  • Gianfranco M.
    28 Giu 2018

    Mi può consigliare un Bond con alto rating e cedola x il mio conto in valuta usd x favore .

Lascia un commento