Borsa piatta con qualche conferma.


Lunedì 11 novembre con il nostro indice FTSEMib in leggera flessione dello -0,19% a 23.490 punti.I maggiori indici di Borsa Italiana e le principali borse europee hanno iniziato la settimana con variazioni frazionali. 

Migliore del giorno è il titolo del gruppo POLIGRAFICA SAN FAUSTINO (+19,35% a 7,40) che ringrazia i dati inerenti il terzo trimestre. Il fatturato è in crescita del 30%, con il calo dell’indebitamento finanziario e Ebitda che diventa positivo dopo la perdita del 2018. Utile ante-imposte di 1 mln contro la parità rispetto all’anno precedente; l’azione aveva già brillato il giorno 6 Novembre facendo un balzo del 16,91% e ed avendone già ampiamente parlato in quella giornata, oggi è sicuramente la trimestrale a farla balzare al primo posto. Il titolo quotava a circa 40 Eur. nel 2006 e da allora è solo sceso.

Grazie ai risultati dei primi nove mesi del 2019 pubblicati venerdì scorso a mercato chiuso l’azione PRIMA INDUSTRIE (+10,40%) a 15,28 tocca i massimi da fine luglio. Nonostante il calo del fatturato del 3,6% cosi come altri dati non positivi su EBITDA e utili che qui non riporto, i nuovi ordini sembrano incuriosire gli investitori. Infatti il terzo trimestre, ha fatto segnare società leader nella progettazione e produzione di macchine laser e lavorazione della lamiera una crescita dei nuovi ordini del 10,8% a/a. Da un punto di vista grafico ha chiuso il gap creatosi il 31 luglio e con questo rialzo può portarsi facilmente in prima battuta sulle resistenze di 16,50 poi 17. Il titolo toccava i sui massimi nell’ottobre 2017 a 47 euro, dunque dopo questo forte ribasso il recupero può essere altrettanto energico.

Proseguono anche oggi il loro rialzo i titoli che venerdì 8 novembre hanno primeggiato. Dopo il “boom” di azioni FALCK RENEWABLES, il titolo rimbomba di nuovo. Gruppo che sviluppa, progetta, gestisce e costruisce impianti per la produzione di energia rinnovabile, si riporta sui massimi del 2008 chiudendo a 4,63 con un rialzo del 8,13%. Il prezzo negli ultimi 12 mesi è più che raddoppiato. 

A seguire anche DOMINIO HOSTING GROUP (DHH), che chiude con un rialzo del +7,89% a 6,15. La società attiva nel business dei servizi web hosting mostra che da un punto di vista fondamentale è a sconto sul rapporto P/E rispetto agli altri peers del settore, mentre da un punto di vista grafico incontra le resistenze nell’area 6,40/6,50, facilmente raggiungibili dato il sostenuto rialzo degli ultimi giorni.

Il rialzo più alto nel nostro portafoglio è stato quello di RETELIT (+1,31%) a 1,7020. Gli altri titoli chiudono con variazioni positive frazionali con solo EL.EN che registra un andamento negativo con -1,50% a 26,18 euro per azione.

Buon inizio settimana a a tutti, ci risentiamo domani.

2 Commenti

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 3 giorni!

I commenti dei lettori

2 Commenti

  • Luca L.
    12 Nov 2019

    Buonasera,

    Gli effetti sul prezzo del titolo possono essere a mio parare solo positivi. Per come interpreto io la notizia, la società RDS si è data disponibile a supportare il titolo perché nella fascia 1.60 sicuramente loro inizieranno il buy back.
    Sperando di essere stato abbastanza esaustivo le porgo cordiali saluti,

    Luca Lanzarini

  • Juri C.
    12 Nov 2019

    Buongiorno Dott. Lanzarini,
    a proposito di RETELIT, la società dopo aver comunicato dati molto positivi riferiti ai primi nove mesi di quest'anno, ha dato il via tramite la controllata RDS ad un buyback per 5 milioni di azioni ad un controvalore massimo di 8 milioni dui euro (prezzo medio quindi 1,60). Quali effetti può avere un programma di buyback di questo tipo sul prezzo nei mesi a venire? considerando che l'abbiamo in portafoglio ad 1,72.
    Grazie buona giornata
    Juri Cavaton

Lascia un commento