Obiettivo reddito: dividendi, tutto sbagliato, tutto da rifare!


La crisi sta stravolgendo anche quest’aspetto degli investimenti. Per ora è quasi anarchia, causa la contraddittorietà degli annunci. Come comportarsi se la distribuzione di profitti è una parte fondamentale nella propria strategia azionaria.

Cedole & dividendi

Confusione totale sul fronte della distribuzione di profitti da molte grandi erogatrici di dividendi. La crisi coronavirus potrebbe colpire fortemente la grande riserva di caccia degli investitori, a cominciare dal settore bancario. C’è da preoccuparsi? In parte sì e in parte no, perché si assiste a una profonda frattura nelle scelte delle big di Borsa:

1°) il mondo del credito vorrebbe tagliare totalmente i dividendi e suggerimenti in tal senso vengono da vari gruppi di pressione, soprattutto nei Paesi nordici e in Germania;

2°) il comparto petrolifero – su cui incidono coronavirus e crollo delle quotazioni del greggio – propende per una riduzione dei dividendi, mentre annuncia, quando erano previsti, tagli dei buy-back;

3°) le società attive in altre attività, meno esposte alla crisi, potrebbero mantenere la distribuzione per il 2020 (relativa agli utili 2019) e amputarla forse il prossimo anno.

In questo contesto la strategia del creare reddito attraverso l’azionario può perdere buona parte della sua validità, anche se occorre segnalare che i violenti strappi ribassisti delle quotazioni a marzo hanno incrementato i “dividend yield” in misura stratosferica e poco credibile, con rapporti di redditività rispetto all’obbligazionario saliti perfino a 8/10 : 1.

I consigli operativi, che si possono fornire in un quadro assolutamente incerto, cominciano a essere vari:

1°) resettare tutti i riferimenti validi fino a due settimana fa, poiché i numeri di allora non sono più validi;

2°) seguire con attenzione le evoluzioni nelle notifiche da parte delle leader di mercato, quelle che aprono la pista, cui sono costrette ad allinearsi le altre e soprattutto le “mid cap”;

3°) preferire, nella selezione titoli inseriti nella lista “aristocrats” (dividendi in continua crescita da diversi anni) riguardo ai vari listini mondiali, perché un’inversione nella distribuzione dei profitti li obbligherebbe a essere abrogati dalla classificazione, con la conseguente uscita dai sottostanti di Etf e fondi appartenenti appunto a tale categoria;

4°) valutare soprattutto azioni Usa, che sembrano per ora meno toccate dalla revisione dei dividendi.

Come abbiamo detto il quadro è in forte evoluzione e noi naturalmente lo seguiremo nelle prossime settimane.

Intanto pubblichiamo la lista delle azioni “aristocrats” relative al più importante indice Usa.

S&P 500 Dividend Aristocrats

Energia

  • ExxonMobil 
  • Chevron 

    Largo consumo

  • Genuine Parts Company
  • Lowe’s
  • Target
  • Walgreens Boots Alliance
  • McDonald’s
  • Leggett & Platt
  • Wal-Mart
  • V.F. Corp
  • Archer Daniels Midland
  • Brown-Forman
  • Hormel Foods
  • Kimberly-Clark
  • McCormick & Company
  • Sysco
  • Procter & Gamble
  • Colgate-Palmolive
  • Clorox
  • Coca-Cola
  • Pepsico

    Settore industriale

  • 3M Company
  • A.O. Smith
  • Emerson Electric
  • Dover
  • Illinois Tool Works
  • W.W. Grainger
  • Pentair
  • Roper Technologies
  • Stanley Black & Decker
  • Cintas
  • General Dynamics
  • Caterpillar
  • United Technologies Corporation

    Finanziari

  • S&P Global Inc (formerly McGraw Hill Financial)
  • Aflac
  • Franklin Resources
  • T. Rowe Price
  • Cincinnati Financial
  • Chubb Limited
  • People’s United Financial

    Immobiliare

  • Federal Realty Investment Trust

    Settore sanitario

  • Becton, Dickinson and Company
  • Cardinal Health
  • Medtronic
  • AbbVie
  • Abbott Laboratories
  • Johnson & Johnson

    Materiali di base

  • Air Products
  • PPG
  • Sherwin-Williams
  • Ecolab 
  • Nucor 
  • Linde

    Tecnologia

  • Automatic Data Processing
  • AT&T

    Utilities

  • Consolidated Edison
2 Commenti

I commenti dei lettori

2 Commenti

  • Lorenzo R.
    27 Mar 2020

    E' proprio il momento giusto. Iniziare un Pac su forti correzioni dei mercati è come fare una discesa in sci con vento a favore. Sul tema tornerò nelle prossime settimane. Saluti

  • David Z.
    26 Mar 2020

    Dott Raffo
    potrebbe commentare qualcosa su PAC ETF. In particolare cosa ne pensa di iniziare un PAC in questo momento? ero pronto ad inziare sulle sue indicazioni ma e' crollato tutto. Che fare?

Lascia un commento