Uno sguardo ai platinoidi...


Con le Borse ancora sull’ottovolante e i Btp che navigano a vista, le materie prime rappresentano un’interessante alternativa, almeno per una componente del proprio portafoglio.

La scorsa settimana abbiamo dato uno sguardo al Cacao, ora tocca ai cosiddetti “platinoidi”, un termine che comprende sia il platino che il palladio. Entrambi metalli preziosi, entrambi con utilizzi anche industriali.

Sulla Borsa italiana si può facilmente investire in entrambi attraverso due ETC, con rischio credito praticamente nullo visto che sono garantiti dal sottostante “fisico”: mi riferisco all’Etc PHPT per il platino e all’Etc PHPD per il palladio, dove l’iniziale  “PH” sta appunto per “phisical”. 

 Entrambi gli Etc sono inseriti in trend rialzisti, col palladio che sovraperforma il platino su orizzonti plurimensili; nelle ultime settimane, tuttavia, sembra che il platino stia recuperando in termini di forza relativa rispetto al palladio (cfr. Grafici).

Da dove iniziamo? Un primo chip potremmo metterlo sul Platino, ma anche un po’ di Palladio non guasterebbe, magari per un controvalore inferiore considerando la volatilità superiore a quella del platino. Il Platino è particolarmente interessante perché ha appena rotto al rialzo una trendline ribassista.

NB:  in termini di liquidità occorre ricordare che gli ETC sulle materie prime, con poche eccezioni, hanno scambi contenuti, che li rendono inadeguati per un’attività di trading, ma sono comunque adatti per investimenti per controvalori limitati (alcune migliaia di euro). È opportuno entrare su tali strumenti in modo graduale, secondo la logica del piano di accumulo, diversificando su molte materie prime differenti e con un obiettivo di investimento complessivo comunque contenuto (il 10% del proprio portafoglio), ragionando su orizzonti plurimensili.

Alla prossima settimana per nuovi spunti di acquisto su altre materie prime!

(L'autore del presente articolo non è iscritto all'ordine dei giornalisti e potrebbe detenere i titoli oggetto dei suoi articoli)

Nessun commento

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento

Gli ultimi articoli di Giovanni Milano