Previsioni di Borsa con le Onde di Elliott e Fibonacci

Previsioni di Borsa con le Onde di Elliott e Fibonacci

Piano Bar di Virginio Frigieri                                                                                     16/09/2018

Previsioni di Borsa : Indici Azionari USA

Ancora una settimana di ritocchi al rialzo per il Dow Jones che si avvicina sempre di più ai massimi di gennaio; la prova che il modello d’onda è sbagliato l’avremo solo se sarà fatto fuori quel massimo e non prima perché un onda 2 può ritracciare fino al 100% di onda 1, quindi prima di farsi prendere la fregola di andare short bisogna che i prezzi scendano prima di arrivare al massimo di gennaio, poi occorre che  vengano fatti fuori gli ultimi due minimi (livello chiave e livello critico e lì si potrà sparare un colpo d’assaggio, e poi che i prezzi si portino sotto alla media a 200gg allora si potrà caricare la posizione. In questo momento il livello critico è 25.600 che ho evidenziato sul grafico.

Tutti gli altri indici l’S&P500, Nyse Composite, Nasdaq100 e Nasdaq composite,  stanno per ora uncinando al rialzo, ma non hanno ancora rotto il precedente massimo. Questi indici (in particolare S&P500 e Nyse) nelle ultime due settimane, ragionando in termini di volumi hanno lavorato in sordina, il ché confermerebbe quanto già detto nei precedenti report ovvero che il rally mostra le caratteristiche tipiche delle fasi terminali di un mercato toro. Ma anche in questo caso, per nessun motivo al mondo, va anticipato il mercato e vale sempre quanto detto prima. Per aprire un piccola posizione short bisogna avere almeno una chiusura sotto al livello critico che ho evidenziato anche in questi grafici e caricare come si deve solo se i prezzi chiuderanno ben sotto alla media esponenziale a 200gg. Del resto il potenziale ribassista è talmente e mostruosamente più alto di quello rialzista che non c’è nessun motivo di andare short prima che il grafico ce lo dica, per prendere 200-300 punti in più, se sei all’inizio di un mercato orso pluriennale Quindi nervi saldi e seguiamo quello che fa il mercato.

Previsioni di Borsa : Bond USA, rendimenti e prezzi

La rottura al ribasso della precedente oda [b] ci conferma che l’onda 2 di grado minor  è terminata sul Massimo di 145,90 del 27 agosto e il movimento in atto è l’onda [i] dell’onda 3 di grado minor. Il potenziale ribassista é decisamente alto e andrà decisamente sotto 140.  L’interpretazione alternativa è che l’onda 2 sia ancora una [iv] di 1, ma dal nostro punto di vista cambia poco. Il trend è al ribasso.

Previsioni di Borsa : Dollar Index e EUR/USD

Il dollaro USA e l’Euro sono alle prese con le rispettive onde 3 correttive:  al ribasso per il dollaro e al rialzo per l’euro.

Previsioni di Borsa : Oro e Argento

L’Oro ha iniziato l’onda D che dovrebbe riportare le quotazioni tra 1300 e 1350$. A questa dovrebbe seguire un’onda E che riporterà i prezzi attorno ai 1.250 e da lì partirebbe l’Onda (C) che andrebbe a terminare la [B] di grado primario sopra 1.400. Il quadro alternativo è che l’onda in formazione sia l’onda [iv] di C. In questo caso l’onda C andrebbe a concludersi leggermente sotto il minimo di onda A dando luogo ad un modello Flat per l’onda (B) al posto di un trinagolo. Anche in questo caso si andrebbe poi a terminare la [B] di grado primario sopra 1400$/onz.

Sull’argento invece permane un clima più pessimista, ma quando il sentimento ribassista raggiunge estremi così spinti le probabilità di un rally rialzista diventano più alte. E qua mi aspetto un rally di più mesi. Appena vedremo i primi segnali di questo rally ne discuteremo qua.

alla prossima

Note:

La Bibbia delle Onde di Elliott è a questo link:

http://www.tradinglibrary.it/scheda-libro/frost-a-j-prechter-robert-r-jr/la-teoria-delle-onde-di-elliott-9788888253213-135907.html

La nomenclatura dei vari gradi d’onda è riportata sotto: le onde “cerchiate” della nomenclatura originale di Elliott sono rappresentate per una questione di praticità racchiuse tra parentesi quadre.

Nessun commento

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento