Piazza Affari consolida l'euforia da Pfizer


Piazza Affari termina la seduta di oggi martedì 10 novembre 2020 in rialzo, con il FTSEMib (+0,49%) a 20.851 punti. Le altre principali borse del Vecchio Continente terminano anch’esse in progresso: Londra avanza dell'1,79%, Parigi dell’1,55% e Francoforte dello 0,51%.

La piazza milanese e il resto delle borse europee riescono a chiudere ancora positive dopo aver registrato, in seguito all’annuncio della casa farmaceutica Pfizer, un vero e proprio strappo. L’euforia sui mercati, infatti, sarebbe stata innescata dall’efficacia di oltre il 90% nel prevenire il Covid-19 del vaccino sperimentale di Pfizer. Oggi i mercati sembrano consolidare tale rialzo, con gli investitori che proseguono gli acquisti scommettendo su uno scenario post pandemia non più tanto lontano, dato che la sperimentazione raggiungerà la fase finale entro la seconda settimana di dicembre. Su questo possibile ritorno alla normalità reagisce diversamente Wall Street, che si muove contrastata, con il Dow Jones e lo S&P500 che salgano e il Nasdaq che arretra. Le preferenze degli investitori attualmente sembrano puntare sui titoli più in sofferenza in questi mesi, come quelli delle società energetiche, aeree e di navigazione, al posto di quelli tech. 

Nello specifico la sessione conclusa vede ancora denaro sui titoli del settore bancario; molto bene anche il settore petrolifero. Protagonista di giornata è Leonardo, che in una nota non ha smentito i rumors sul progetto di quotazione delle attività americane. Sono infine sotto i riflettori anche i titoli di editoria e media. 

Far i bancari spiccano i rialzi delle Big: UNICREDIT (+5,17%) a 8,41 e INTESA SANPAOLO (+4,44%) a 1,84. Più contenuta è BANCO BPM (+1,84%) a 1,80. Cede invece BPER (-0,84%) a 1,18.

Prosegue anche il rally del petrolifero, che sfrutta l'ulteriore allungo dei prezzi del petrolio. ENI balza del +4,07% a 7,67, seguita da SAIPEM (+2,27%) a 1,91 e TENARIS (+1,45%) a 5,59. 

Dopo alcune sospensioni per eccesso di rialzo, LEONARDO conclude la seduta con un rialzo dell +7,41% a 5,42, che si aggiunge al +16,2% registrato ieri sulle indiscrezioni di una possibile quotazione di Drs, controllata Usa attiva nel settore della difesa.

Fra l’editoria oggi balza RCS MEDIAGROUP (+4,96%) a 0,508, grazie al recupero dei margini nei conti del terzo trimestre. Sempre in scia alle trimestrali sale anche MONDADORI (+3,34%) a 1,298, che conclude il terzo trimestre 2020 con utili per 43 milioni, in forte crescita (+72%) rispetto ai 25 milioni dello stesso periodo del 2019.

PORTAFOGLIO LOMBARD REPORT 

Il portafoglio Lombard riguardante le "AZIONI ITALIANE BREAKOUT” non vede accogliere ancora nessun nuovo BUY. Restate collegati per prossimi aggiornamenti.

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 3 giorni!