Nuovi BUY per il nostro portafoglio

Mentre non si placa la furia ribassista sul nostro comparto obbligazionario, noi dobbiamo pensare alla salute del nostro portafoglio che visti gli eventi è messa a dura prova. Per carità, nulla di drammatico poiché è tutto un polverone di natura esclusivamente e schifosamente politica, sotto non c’è nulla.

Tutta questa esibizione di muscoli è figlia anticipatrice della campagna elettorale che vede da qui a qualche mese  le elezioni europee. Appuntamento fondamentale per il nuovo asseto dell’Europa poiché ormai lo scontro è tra la  resistenza degli euro-crati contro il nuovo che avanza (definiti populisti dall’élite che oggi comanda l’Europa).

Ma occupiamoci del nostro portafoglio, e lasciamo ai commentatori politici il compito di analizzare la situazione e darci le interpretazioni degli eventi. Ovvio che la volatilità negativa si stia facendo sentire sul nostro portafoglio e poiché abbiamo la fortuna di avere una cassa (ad oggi un 17% del totale del portafoglio) che a giorni si incrementerà con la scadenza di un bond (arrivando al 22% del portafoglio) cerchiamo di sfruttarla al meglio per riequilibrare l’asset nel suo complesso.

La prima cosa che faremo, nel caso in cui lo spread dovesse portarsi stabilmente sopra 320 bps e l’aria che tira non dovesse migliorare andremo a coprire parte del portafoglio con un ETF short BTP. La cosa non ci entusiasma, poiché gli ETF short sono brutte bestie che danno soddisfazione solo se il trend è netto e forte, e questo vale a maggior ragione se dovessimo scegliere quello a leva 2.

Per ora quindi solo il colpo in canna, ma non spariamo ancora perché la volatilità “isterica” è alle stelle e i capovolgimenti di fronte possono essere all’ordine del giorno. I due ETF in questione sono il  BTP1S, Lyxor BTP Daily (-1X) Inverse ETF Acc, LU1523098561 a leva 1, oppure il BTP2S, Lyxor BTP Daily (-2x) Inverse ETF Acc, FR0011023621 a leva 2.

Poi, da comprare invece domani, anche se potrà sembrare cosa strana per una rubrica di LombardReport, inseriamo in portafoglio due ottimi fondi a ritorno assoluto. Sì, avete letto bene, fondi a ritorno assoluto. Ci abbiamo meditato a lungo, poiché è noto che il risparmio gestito non è tanto nelle nostre corde. Ma non possiamo nascondere la testa sotto la sabbia e dobbiamo pensare al bene del nostro portafoglio.

Ed ecco che dopo una ricerca lunga e approfondita, dove abbiamo spaccato il capello in quattro, abbiamo individuato tre fondi che vale la pena avere in portafoglio perché hanno saputo creare valore con costanza e con rischi moderati.

Si tratta del Carmignac Long-Short European Equities A EUR Acc, FR0010149179, fondo a ritorno assoluto focalizzato sull’azionario europeo con logiche market neutral e long/short, di cui qui sotto il grafico che vale più di mille parole.

Il secondo e il terzo sono fondi di una casa di gestione forse meno nota di Carmignac, ma assolutamente spettacolare per i comparti che gestiscono. Due in particolare H2O Multibonds R Cap EUR, FR0010923375 e H2O Adagio R Cap EUR, FR0010923359, di cui anche qui i grafici valgono più di mille parole.

Iniziamo ad inserire in portafoglio, domani, il Carmignac Long-Short (FR0010149179) per il 5% del portafoglio (quindi 5.000 Euro largo circa) e l’H2O Adagio R Cap EUR (FR0010923359) per il 10% del portafoglio (quindi 10.000 Euro largo circa). L’atro H2O lo inseriremo se del caso più avanti quando avremo la liquidità necessaria.

Nota operativa: poiché non possiamo sapere a priori i vostri intermediari (on-line o fisici che siano) quali fondi vi permettono di acquistare e quali no, nel caso non trovaste disponibilità presso la vostra banca sappiate che oggi i fondi si possono molto facilmente acquistare on line e senza costi su due piattaforme che sono FundStore (Banca Ifigest) e Online-Sim (Gruppo Ersel).

Nessun commento

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento

Gli ultimi articoli di Redazione Rischio Contenuto