Azione PLT Energia

Quanto ci si può sentire beffati dal lancio di talune OPA a prezzi stracciati?

Chi scrive ricorda, per problemi di età, il remoto passato. Ecco alcune vergognose "perle". L'OPA su azione Immobiliare Metanopoli, quella di azione Italdesign di Giugiaro e quella su azione La Rinascente tenutesi tutte una quindicina di anni fa.. Tre beffe colossali per i piccoli soci. La Rinascente ad esempio venne ritirata da società vicine ad Ifil a 1,77 miliardi di euro e venne rivenduta due anni dopo con una operazione che la valutava 3,55 miliardi di euro. Purtroppo non ci si può opporre.

La Consob ha successivamente dettagliato le modalità dell'OPA, ma senza soverchi miglioramenti per i piccoli soci.

Sull'OPA sull'AIM non ci sono regole imperative. Abbiamo letto l'interessante report dello Studio Legale Gilberti Triscornia. L'analisi, consultabile su internet, è denominata "Il gioco dell'OPA all'AIM" ed è firmata da  Alessandro Triscornia. Consigliamo di leggere pagina 833 e 834. Alcuni dubbi rimarranno, e lo dice anche l'autore che talune norme "non lo convincono" viste le modalità di recepimento della normativa del largo mercato nei confronti dell'AIM.

Consigliamo inoltre agli interessati la lettura del prospetto lanciato da Edison pochi mesi fa per acquistare azione Zephiro. Leggete, se interessati tra pagina 20 e 28. Tutto congiura contro il piccolo socio. Minaccia di ottenere titoli non quotati di società misteriose scelte da chi lancia l'opa etc etc

Prendiamo ora quanto sta accedendo su azione PLT Energia su cui l'azionista di maggioranza (detiene oltre l'85%) ha lanciato una OPA per il delisting a 2,85 euro quando l'azione quotava 2,60. L'azione era ed è massicciamente presente nel mini-portafoglio a scarso rischio del lombardreport.com.

I piccoli soci che hanno creduto nella società eolica si sentono giustamente beffati e defraudati. Avevano dato fiducia alla dirigenza accompagnando la crescita della società con tutti i relativi rischi che ci sono all'inizio. Ora che PLT Energia è lanciata e sta per essere scoperta da molti gestori in quanto molti investimenti diventano remunerativi, e lo testimonia CFO SIM che fissa il target price a 5,50 euro per il titolo, scatta la tagliola del delisting a META' PREZZO rispetto a tale valutazione. E neppure si riesce ad ottenere il dividendo per il 2018. Ambienti vicini alla società cui avevamo chiesto se almeno avrebbero distribuito il dividendo ci hanno detto che per fine aprile l'opa sarebbe stata conclusa. E l'assemblea si sarebbe tenuta dopo....oltre al fatto che l'assemblea poteva sempre decidere di non distribuire il dividendo visto che la famiglia Tortora già detiene l'85% del capitale.....

Noi speriamo in una opera di "moral suasion" di Borsa Italiana e Consob per non far precipitare ancor più il sentiment sul mercato azionario ma non ci contiamo molto. Proseguiamo a chiedere condizioni migliori. Con azione Banco di Sardegna risp abbiamo ottenuto un altro piccolo successo. Ma purtroppo in borsa non si fa beneficenza..

Per quanto concerne l'OPA sull'AIM a nostro modesto giudizio rimane un solo punto fermo. Se chi lancia l'opa ottiene oltre il 90% del capitale i piccoli sono fregati. Non sarà un discorso aulico ma questa è la realtà. E poiché per azione PLT Energia basta loro ottenere un 5% per brindare temiamo che questo possa accadere visto che molti investitori si possono accontentare di quell' 8% di plusvalenza rispetto al prezzo cui quotava azione PLT Energia prima dell'opa. Ma non fasciamoci la testa prima di conoscere le modalità dell'OPA che saranno pubblicate tra pochi giorni e l'esito della stessa a fine aprile. Se ci fosse un rifiuto totalitario nella consegna dei titoli, con gli investitori che non consegnano a 2,80 euro una azione stimata 5,50, le cose finalmente cambierebbero. Sperare non costa niente.

(L'autore del presente articolo non è iscritto all'ordine dei giornalisti e potrebbe detenere i titoli oggetto dei suoi articoli)

Nessun commento

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 3 giorni!

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento