Previsioni di Borsa con le Onde di Elliott e Fibonacci


Previsioni di Borsa con le Onde di Elliott e Fibonacci  

Piano Bar : Focus Europa_Marzo 2019

Focus Europa è un’estensione periodica della rubrica Piano Bar di Virginio Frigieri volta ad offrire una panoramica sull'Europa, che normalmente non viene trattata negli appuntamenti settimanali. 

Linea di Fondo

Da Dicembre 2018 ad oggi abbiamo assistito a una correzione rialzista in contro-trend all’interno di un mercato orso di grado più ampio e di lungo termine. Quando la pressione di acquisto si esaurirà una nuova ondata di vendite attirerà quasi tutti gli indici europei a nuovi minimi del mercato orso.

Il rally ha già capovolto il sentimento negativo estremo che circolava intorno ai minimi di dicembre, quindi nonostante nuovi ritocchi verso l’alto restano possibili, il grosso del rally è, probabilmente, già passato. A soli tre mesi dalle elezioni del Parlamento europeo, l'umore negativo del continente si è chiaramente attaccato ai politici, alle politiche e ai rapporti bull-market che in precedenza hanno cavalcato su ondate di consenso, cooperazione ed entusiasmo. Le divisioni politiche appaiono ormai  aperte non solo all'interno delle regioni più povere dell'Europa, ma anche nelle regioni più ricche come la Scandinavia e le nazioni centrali che hanno fondato l'Unione Europea. Così, se in Ungheria  migliaia di manifestanti scendono in piazza per opporsi alla riforma del lavoro di Viktor Orban, che permette alle aziende di aumentare del 60% il massimo di ore di straordinari all'anno, in Polonia il sindaco di Danzica Pawel Adamowicz viene accoltellato e ucciso da un aggressore di destra accentuando la spaccatura che riapre le questioni politiche di vecchia data del paese. Come sottolinea la Associated Press, i polacchi parlano del loro paese come di due tribù e riferisce che ora il discorso è sempre più incentrato su una "guerra polacco-polacca", una divisione che è maggiore che in qualsiasi momento dagli anni '80, quando il regime comunista appoggiato dai sovietici cercò di schiacciare il movimento per la libertà solidale imponendo la legge marziale ". (AP, 4/2/2019)

In Scandinavia, la libera circolazione delle persone, che è stata una pietra miliare dell'agenda europea per oltre 20 anni, sta cadendo sotto attacco. Nonostante le dure critiche espresse in un recente rapporto di Schengen, il governo svedese ha deciso il mese scorso di estendere i controlli alle frontiere per combattere una "minaccia all'ordine pubblico e alla sicurezza interna". I controlli alle frontiere risalgono effettivamente al 2015, quando la Svezia ha reintrodotto i controlli su auto e treni che transitano sul ponte di Oresund. Entro la fine del 2019, la polizia di frontiera di Stoccolma prevede di aggiungere 100 funzionari di frontiera alla sua attuale squadra di 400 persone.

Nell'Europa centrale, le relazioni politiche si rifanno a uno dei periodi più distruttivi della storia moderna. L'Italia e la Francia, ad esempio, stanno nel "punto più basso delle loro relazioni dalla seconda guerra mondiale". (CNBC, 8/2/2019) L'ultimo tumulto è iniziato a gennaio, quando il vice primo ministro italiano Luigi Di Maio ha espresso solidarietà al movimento francese dei “gilet gialli”, che sta travolgendo il governo di Emmanuel Macron con violente proteste. Scrivendo in un post sul blog, Di Maio ha dichiarato: "Gilet gialli, non arrendetevi! Stiamo seguendo la vostra battaglia dall'Italia ... ". Il 5 febbraio Di Maio incontra poi i leader del movimento, e a quel punto il governo francese ha richiamato l’ambasciatore da Roma provocando un shock politico in tutto il continente. Un fatto come questo infatti non accadeva dal 1940, quando Mussolini dichiarò guerra. Il 7 febbraio 2019 il New York Times titolava "Questo è molto, molto duro. Non c'è mai stato niente di simile. "(NYT, 2/7/19).

Finora, la stampa finanziaria ha accolto questi sviluppi con una certa confusione.

"Perché il clima è diventato così caldo tra i due - normalmente cordiali - vicini paesi europei?" si domanda la CNBC. Una parte della risposte la si può trovare dalla lettura dei grafici, e così, se nel numero precedente avevo iniziato commentando il testa spalle ribassista sul Dax della Germania, oggi cominciamo dalla Francia.

Analisi delle Onde di Elliott

Il grafico sopra mostra il ciclo di grado Supercycle dell’indice Francese SBF 250. Come si può vedere sono ben evidenti i tre picchi più importanti del mercato azionario nella storia francese.

L’onda (I) di Supercycle ha raggiunto il picco nel 1929, prima della grande depressione. L’onda (III) di Supercycle raggiunge il suo picco nel 1962 prima della recessione degli anni ’70 e l’oda (V) di Supercycle fa il suo picco nel 2000 prima di quella che diventerà la nuova Grande Depressione.

La correzione di onda b di grado cycle  rappresenta un modello flat 3-3-5 che è durato circa 17 anni producendo l’[A]-[B]-[C] di grado primario visibile sul grafico dove al posto delle parentesi quadre vedete le lettere cerchiate. Con ottima probabilità siamo appena entrati nell’onda c di grado cycle verso il basso, che dovrebbe essere il declino più distruttivo del mercato fino ad oggi. Questo “a-b-c” di grado cycle andrà a formare l’onda (a) di un (a)-(b)-(c) più grande di grado Supercycle.   Se si passa al grafico del più seguito CAC40, lo troviamo intento a flirtare con la resistenza al ribasso che collega i due picchi più importanti degli ultimi 20 anni, ovvero quello del 2000 e quello del 2007. Dopo aver brevemente penetrato questa linea verso il basso nell'aprile 2017, il CAC 40 ha recuperato e trascorso gran parte del 2017 e del 2018 oscillando intorno alla trendline. Un'altra rottura al ribasso si è verificata nell'ottobre 2018, con il sell-off che penetrava anche in una trendline di supporto che collega le onde (2) e (4) dell'aumento dell'indice da marzo 2009. Il mercato pensa chiaramente che queste linee siano importanti. Se il supporto fallisce, i prezzi dovrebbero scendere ben al di sotto di 4000 punti, dove entreranno anche in un "territorio di  caduta libera" che è rappresentato sul grafico di  lungo termine dell’ SBF250.

Una altra trendline che il mercato reputa evidentemente importante la vediamo sul grafico dell’Euro-Stoxx50 che di nuovo parte dal massimo del 2007 e passa per il massimo del 2015. Anche in questo caso i prezzi dal 2015 allo scorso anno hanno ballato a ridosso di questa trendline fino a quando lo scorso ottobre hanno de finitamente rotto al ribasso. Ora può anche darsi che i prezzi vogliano ritestare le trendline da sotto, nel quel caso i prezzi potrebbero risalire verso i 3.400 punti, ma questo non è richiesto  dal modello d’onda e comunque vada questa trendline finirà per essere abbandonata poiché i prezzi si faranno strada verso nuovi minimi del mercato orso.

Se passiamo al Dax è ancora meglio impostato al ribasso.

Come si può notare nel grafico soprastante, i prezzi hanno individuato tre delle necessarie cinque onde verso il basso, con il picco dell'onda (3) a 10.279 nel dicembre 2018. L'aumento da dicembre costituisce un'onda (4) nel conteggio preferito (ritenuto più probabile) o la fine di un onda 1 nella lettura alternativa. Confidando che sia un’onda (4) questa offre un entrata short a rischio contenuto visto che se si tratta di un’onda (4) questa deve terminare necessariamente prima di 12.011 punti pena la violazione del territorio di onda (1) che rappresenta una delle tre regole inviolabili nel principio delle onde.

Con uno Stoploss piazzato una manciata di punti sopra 12.011 dovremmo avere le probabilità di successo dalla nostra parte soprattutto se dovesse salire un altro pò restringendo lo stop da mettere in palio per giocare la mano. Per chi poi è disposto a stare più largo con gli stop in cambio di un aumento delle probabilità  di successo, allora faccio notare che abbiamo un bellissimo Gap aperto (un Major Gap). Lo spazio che sta tra il minimo della barra che ha preceduto il gap e il massimo della barra che ha generato il Gap, viene definita Gap-Area. E ogni Gap Area si comporta come un trendline funzionando quindi da supporto/resistenza. Morale della favola se il prezzi tornano indietro a chiudere il Gap si aprono due possibilità : o il minimo della gap-area tiene e quindi fornisce supporto per una ulteriore risalita dei prezzi , oppure cede … e se cede.. un’entrata short piazzata lì, ci sta come il cacio sui maccheroni.

Se invece dovesse prevalere lo scenario alternativo dell’onda 1 non cambierebbe in ogni caso il quadro generale. Semplicemente l’onda attuale non sarebbe una 4 ma una 2 e l’unica differenza è che non ci sarebbe più il vincolo dei 12.011 punti ma si potrebbe risalire ragionevolmente fino a 12.500 ma volendo anche più su. In questo caso sulla prima entrata short prenderemmo una sdentata, ma lo scenario resterebbe ancora ribassista e ci prepareremo ad entrare nuovamente short su livelli più alti.

Infine, la struttura dell'onda a breve termine nell'FTSE 100 è simile a quella del DAX. Qui, i prezzi hanno completato cinque ondate al minimo del dicembre 2018, con il rally che da allora ha costituito una seconda ondata. I prezzi sono risaliti fino a poco oltre il 50% dell'onda precedente (1), e un rally potrebbe portare i prezzi al livello di ritracciamento del 61,8% di Fibonacci a 7.350.

Sentiment dei mercati

Un altro segno di un trend negativo dell'umore è che il declino sembra aver solo incoraggiato un nuovo raccolto di investitori per comprare il tuffo ribassita. Un capo delle azioni europee con sede in Svizzera vede una luce alla fine del tunnel, nonostante i suoi fondi abbiano generato un rendimento totale negativo di oltre il 20%: "[T] è il momento in cui puoi approfittare di tutto questo nervosismo ", dice a City Wire. Secondo il suo partner, la "fine del 2018 è stata una svolta".

A questo punto, i tori semplicemente non possono essere infastiditi da piccole cose fastidiose come guadagni terribili, colloqui commerciali in bancarotta, dazi crescenti e un gran numero di terribili dati economici: "Gli investitori potrebbero essere troppo occupati a comprare il tuffo per preoccuparsi della stampa fine ... ", Afferma Bloomberg (12/02/19) Più avanti nel mercato degli orsi, è proprio la stampa fine che manterrà gli investitori svegli di notte; questo è semplicemente come funzionano le tendenze dell'umore sociale. Come hanno insegnato le precedenti bolle di Bear Stearns,  Enron, Lehman Brothers, Northern Rock e WorldCom, quando una bolla esplode, una fase ancor più insidiosa è dietro l’angolo. Infatti le tendenze di umore sociale negativo creano un clima pubblico sempre più ostile nei confronti dei dirigenti aziendali, perché i loro precedenti successi dipendevano da ricorrenti ondate di ottimismo. Quando entra in scena l'umore sociale negativo, i misfatti finanziari che non sono stati segnalati durante il mercato toro precedente vengono scoperti e l'inevitabile caos fiscale inizia.

Lo scorso mese di settembre raccontammo il caso di Wirecard (un processore di pagamenti tedesco) che nonostante mettesse a segno solo il 5% dei ricavi di Deutsche Bank era arrivato a capitalizzare in borsa più di Deutsche Bank mettendo a segno un rialzo del 78.000%  rispetto al loro minimo del 2002. Con una tale capitalizzazione, il titolo si apprestava a scalzare Commerzbank dal Dax30 che ne è stato un membro della prima ora fin dal 1988.

Da allora allo scorso mese di Febbraio il titolo ha perso il 60% del suo valore e i dirigenti aziendali si sono trovati faccia a faccia con la nuova realtà del mercato orso. Sul report di Marzo, Brian Whitmer su Europe Financial Forecast ne riporta prontamente il grafico.

Il 30 gennaio scorso il Financial Times ha scoperto una “serie di transazioni sospette che sollevano interrogativi sull’integrità delle Contabilità di Wirecard (FT 30/01/2019). La settimana successiva sempre il Financial Times ha rivelato di imbottiture di libri mastri, contratti retrodatati, falsificazioni, conti falsificati, pratiche contabili discutibili, e ancora imbrogli, violazione criminale della fiducia, corruzione  e/o riciclaggio di denaro. (FT 7/2/2019). (e poi qualcuno si chiede ancora perché da anni non compro singoli titoli azionari…)

Con il crollo delle azioni, il regolatore finanziario tedesco BaFin si è lanciato nella mischia lanciando un’inchiesta sulla potenziale manipolazione del mercato. Il 17 febbraio BaFin ha poi vietato le vendite allo scoperto di Wirecard, citando una “seria minaccia alla fiducia del mercato in Germania.

Non solo questo divieto di vendita ha decretato il primo itervento di BaFin dopo la crisi finanziaria, ma è anche il primo divieto in assoluto sulla messa in cortocircuito di un singolo stock. La scorsa settimana il comitato esecutivo di Wirecard ha risposto al fuoco, annunciando azioni legali contro il Financial Times per denunce non etiche. La trama si intensifica notevolmente man mano che l'anno prosegue, ma, comunque alla fine, gli investitori stanno analizzando la trama di base che si svolgerà in alcune delle più grandi e apparentemente più stabili aziende europee.

Ma dal momento che il fintech resta il punto focale della mania attuale, né la svendita di Wirecard né il più ampio declino del settore sono stati in grado di intaccare l'ottimismo degli investitori. Ad esempio, il Fondo Vision di Softbank - uno dei maggiori fondi di investimento tecnologico del mondo - ha appena gestito un giro di 440 milioni di dollari di finanziamenti per la startup del digital banking britannico OakNorth Holdings, dando alla società una valutazione di 2,8 miliardi di dollari. Si ritiene che ad oggi sia la più grande raccolta fondi in europa di fintech. Questi accordi sconvolgenti svaniranno durante il prossimo mercato degli orsi, lasciandosi alle spalle una serie di scandali e rimpianti. Del resto quanto avvenuto nel settore bancario tradizionale è indicativo sulla direzione futura. Nell'ultimo "colpo di scena drammatico in uno scandalo di riciclaggio di denaro da 230 miliardi di Dollari" (Bloomberg, 19/02/19), il piccolo paese baltico dell'Estonia ha effettivamente espulso la multinazionale danese Danske Bank, provocando "un'acrimonia tra le autorità di vigilanza in Estonia e in Danimarca”.

Il ministro delle finanze della Lituania sta ora chiedendo un sistema comune di prevenzione del riciclaggio di denaro per la zona euro e l'Unione europea.Nel frattempo, l'emittente svedese SVT ha riferito che Swedbank, la quarta banca più grande della Svezia,potrebbe essere stata coinvolta in schemi di riciclaggio di denaro per quasi un decennio.

Insomma ormai è tempo boom per gli scandali bancari, tanto che nelle maggiori banche sta diventando anche boom di assunzioni per infoltire e rafforzare gli staff anti crimini finanziari. Il 2018 ha visto incrementi notevoli ad esempio in Deutsche Bank, ABN Amro, e Dannske Bank.che hanno aumentato i propri organici rispettivamente di 600, 400, e 250 specialisti di conformità.

Ovviamente questo inciderà anche sui costi, ma del resto anche le multe e gli investimenti nella tecnologia finanziaria costano. Deutsche Bank, ad esempio, ha già pagato multe in passato per miliardi di dollari che hanno contribuito alla depressione del prezzo delle sue azioni ed hanno allontanato ancora più clienti come riferisce Bloomberg in un articolo del 15/02/2019. In quell’articolo un esperto di riciclaggio di denaro afferma anche che “quanto successo nel 2018 ha instillato un nuovo senso di consapevolezza tra banche, supervisori e pubblico in generale.” Ma noi sappiamo che il cambiamento di mood sociale è quello che trascina tutto il resto e questa serie iniziale di scandali è il risultato di un ampio spostamento del continente dall’umore sociale positivo a quello negativo. Destinato ad aumentare negli anni a venire e ad interessare innumerevoli aree finanziare ed economiche.  

I Mercati del Credito

Se l’Italia sta male per non dire malissimo, il resto d’Europa ha comunque poco da ridere.

L'Europa rimane inondata di insoluti e di pagherò. E il debito pubblico della zona euro che nel 2007 si attestava intorno al 65% del PIL, nel 2015 aveva raggiunto il 93% e negli ultimi tre anni è sceso di qualche punto attestandosi intorno all’86-87%. Purtroppo durante questo leggero recupero il paesi più deboli si sono allontanati maggiormente da una linea di convergenza auspicata. Così la Grecia veleggia ormai al 182% (quasi il doppio del proprio PIL) , L’Italietta supera il 133%, il Portogallo si porta al 125%, Cipro al 111% e il Belgio al 105%.  Che con una moneta unica imposta a sistemi paese tanto diversi sarebbe finita così, lo sapevamo da prima che l’euro ci entrasse nelle tasche perché è matematico che debba finire così. In questi anni si sono espressi in tal senso fior di premi Nobel dell’economia (almeno 5 o 6 se non ricordo male) ma agli italiani piaceva la mortadella … e adesso ci terremo il mal di pancia…

Tornando alla nostra analisi, le brutte notizie non finiscono qui, purtroppo, perché l’altro fatto importante ed allarmante è che, questi numeri ovviamente non tengono conto del debito societario, così come non tengono conto del debito ad alto rendimento (junk-bond) , e nemmeno tengono conto del debito per i prestiti auto e nemmeno del debito complessivo delle famiglie che hanno soffocato il continente per oltre un decennio. Vi piace un mondo così?..

Bene, nonostante questa montagna infinita di pagherò, gli investitori in questi 10 anni hanno mostrato una sbalorditiva mancanza di preoccupazione per la situazione. Dal 2008, lo spread benchmark complessivo europeo ad alto rendimento, essenzialmente la differenza tra debito di alta qualità e debito spazzatura, si è addirittura  ridotto da oltre 2500 punti base a circa 500 punti base! In altre parole, gli investitori obbligazionari hanno sempre più favorito le obbligazioni ad alto rendimento rispetto alle obbligazioni investment grade, il che ha spinto verso il basso i rendimenti e gli ridotto gli spread.

In mezzo alla gravità dell'indebitamento complessivo dell'Europa, sono poi emersi alcuni tipi di obbligazioni particolarmente pericolose. Su European Zone di Luglio 2017 ho dato ampio spazio alle obbligazioni Additional Tier 1 (AT-1), che convertono in equity in caso di crisi bancaria e in pratica voi che pensavate di essere obbligazionista vi ritrovate invece trattati al pari degli azionisti.

Il link a quell’articolo è qua: https://www.lombardreport.com/2017/7/16/previsioni-di-borsa-15/

E sempre in quell’articolo parlammo della vicenda spagnola, Banco Popular/Banco Santader con le obbligazioni AT-1 del Banco Popular crollate in una settimana del 96% e poi vendute alla rivale Santader per 1 euro.

Oggi, dopo nemmeno due anni, gli investitori stanno nuovamente riapprendendo le porte ai pericoli degli AT1 - questa volta proprio nei legami di quel grande rivale. Lo scorso 12 febbraio Bloomberg segnalava. "Il Banco Santander ha ricordato agli investitori che le obbligazioni succose possono arrivare con brutte sorprese", quando la banca ha scelto di non esercitare un’opzione Call su un COCo bond in scadenza da 1,5 miliardi. In Europa non era mai successo!!

https://www.money.it/Banco-Santander-coco-bond-opzione-call-scadenza-obbligazioni-convertibili-cosa-sono

Per comprendere le implicazioni di questa decisione, va ricordato che i regolatori hanno inizialmente introdotto AT1 (note anche come obbligazioni convertibili contingenti, o CoCo-Bond) in risposta alla crisi finanziaria del 2008. I CoCo-Bond comportano un rischio maggiore per gli investitori, in quanto consentono alle banche di saltare i pagamenti delle cedole in caso di crisi. Allo stesso modo, i detentori del debito CoCo sono effettivamente ultimi in fila per ricevere la remunerazione da una banca fallita, perché, quando si verificano problemi, le obbligazioni vengono sostanzialmente convertite in azioni ordinarie.

Nonostante questi formidabili rischi, gli investitori sono accorsi sul mercato a frotte!!.

Nel 2015, le banche hanno emesso obbligazioni CoCo per circa 97 miliardi di dollari. A giugno 2018, il mercato europeo dei CoCo-Bond si è gonfiato a 170 miliardi di dollari, e la Borsa di Londra ha quotato il primo ETC (exchange-traded fund) basato su obbligazioni CoCo, al mondo… e se vi piace un mondo così …

La decisione di Santander illustra come l'autocompiacimento abbia ancora una volta portato gli investitori a rischiare un prezzo errato!!. Una cedola del 6,25% per maneggiare titoli del genere che sono pura Dinamite richiederebbero cedole molto, ma molto più alte, ma le persone comuni tra tenere i soldi fermi sul conto corrente o nel materasso e una cedola del 6,25% memori delle grasse cedole di un tempo quando i titoli di stato pagavano cedole a due cifre, scelgono il 6,25% a prescindere da cosa c’è dietro. Fino ad ora, gli investitori hanno valutato il prezzo dei CoCo-Bond sulla previsione che le obbligazioni sarebbero state ritirate alla prima occasione. In altre parole, erano disposti a pagare anche di più del valore di facciata (e ricevere un rendimento inferiore), perché si aspettavano che il capitale fosse rimborsato prima, piuttosto che dopo. La decisione di Santander di chiudere le obbligazioni (il primo creditore europeo a farlo dal 2008) ha fatto crollare le obbligazioni. Come ha detto un manager di portafoglio a Bloomberg, "la gestione della situazione è stata veramente disastrosa. Gli investitori di credito avranno bisogno di qualche nuovo premio molto serio per toccare nuovamente quel nome ".

Altro fatto ancora più importante, è che la decisione di Santander fornisce una valutazione basata sul mercato, della salute effettiva della banca. CNBC lo spiega così:

“Le banche generalmente esercitano questa opzione (ndr ovvero esercitano la call e ricomprano il loro debito) per inviare un messaggio ai mercati che la loro posizione di liquidità è abbastanza forte da far fronte a una situazione di crisi .... La decisione di Santander (ndr di non esercitare) questa opzione ha lasciato agli investitori di debito un dilemma. Hanno iniziato a chiedersi se questo è l'inizio di molte "chiamate perse" e se altre banche seguiranno l'esempio. Inoltre, quando la banca non riesce a esercitare un'opzione call, il valore dell'obbligazione sul mercato scende a mano a mano che gli investitori iniziano a mettere in discussione la salute dell'emittente.”

- CNBC, 13/02/19

A seguito della decisione di Santander, molti analisti hanno cercato di rassicurare gli investitori sul fatto che i timori di stress finanziario nel mercato sono infondati. Ma le azioni parlano più delle parole e la nostra opinione è che questo allontanamento dal rischio è appena iniziato. In futuro, quando gli analisti metteranno apertamente in discussione la salute delle banche europee, gli investitori vorranno vendere gli AT1 posseduti. Il problema è che non troveranno nessuno che li compri e quei pochissimi che saranno disposti a farlo, se ci saranno, faranno i prezzi che vogliono  pagando quelle obbligazioni al prezzo della carta igienica (forse).

Conclusioni:

Quasi ogni punto di riferimento che gli economisti utilizzano per misurare la salute economica dell'Europa ormai sta puntando alla contrazione. Che si tratti di vendite di automobili (che sono in flessione per il quinto mese consecutivo), che si parli di produzione industriale (che è in calo al ritmo più veloce dalla crisi finanziaria), che si prenda la spesa delle famiglie (che si è fermata "in Francia"), è solo una questione di tempo prima che la recessione imminente di cui abbiamo scritto per diversi mesi diventi realtà. Allo stesso tempo, Bloomberg nota che gli ampi benchmark economici dell'area Euro, "hanno costantemente mancato le previsioni". (13/02/19) Ciò significa, tuttavia, che gli stessi economisti il ​​cui compito è di prevedere con precisione gli sviluppi economici continuano a sovrastimare notevolmente la salute economica dell'Europa.

Il trend negativo dell'umore che le azioni hanno rispecchiato più di un anno fa (e che i sondaggi stanno registrando oggi) avrà anche effetti di vasta portata al di fuori dei numeri economici ufficiali. 

Un buon esempio è la nuova spinta del continente a ridimensionarsi di fronte ai fondamentali in deterioramento. La tendenza nascente a ridimensionarsi è già ben evidente nelle grandi società come Starbucks, che ha costruito 260 negozi in Francia, Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi dal 2008 al 2016. Lo scorso ottobre, la catena di caffetterie degli Stati Uniti ha chiuso la sua sede centrale ad Amsterdam, ha consolidato la sua sede europea a Londra e ha venduto 83 di questi negozi di proprietà dell'azienda. A gennaio, le vendite nello stesso negozio sono diminuite tra le divisioni aziendali che includono Europa, Africa e Medio Oriente. Un altro settore in evidente ridimensionamento è quello automobilistico. Ford, Jaguar e Land Rover, ad esempio, hanno recentemente annunciato "tagli di posti di lavoro in tutta Europa ... mentre le case automobilistiche lottano con un crollo della domanda di veicoli diesel, norme più severe sulle emissioni e un rallentamento economico globale guidato dalla Cina."  (Reuters, 10/01/19 )

In politica, l'impulso a tagliare è quello di puntare a Bruxelles, dove il partito nazionalista AfD in rapida crescita della Germania vuole supervisionare un "ridimensionamento radicale del Parlamento europeo da 750 membri a 100 membri.” (UK Express, 12/02/19)

Ecco un altro grande esempio di spinta dell'Europa dal grande e verso il piccolo:

Airbus impostato per rottamare la produzione del più grande aereo di linea del mondo

Il 14 febbraio, la società aerospaziale europea ha annunciato che abbandonerà il suo programma superjumbo A380 "a favore di jet più piccoli e più agili". (CNBC, 14/02/19)

 È stata una "decisione dolorosa", secondo il CEO Tom Enders, ma di questo scrivemmo su European Zone di Agosto 2016, sottolineando come i picchi di umore sociale spingono spesso i dirigenti aziendali a sognare in grande e perseguire strategie ad alto rischio proprio quando la domanda sta per scomparire...  https://www.lombardreport.com/2016/8/14/piano-bar-european-zone/

Apparentemente, l'ultima goccia è arrivata quando il più grande cliente dell'A380, Emirates con sede a Dubai, ha tagliato gli ordini di A380, optando invece per i modelli A350 e A330 più piccoli. "Come risultato di questa decisione", ha dichiarato Enders alla stampa, "non abbiamo un sostanziale arretrato dell'A380 e quindi nessuna base per sostenere la produzione, nonostante tutti i nostri sforzi di vendita con le altre compagnie aeree negli ultimi anni. Ciò porta alla fine delle consegne dell'A380 nel 2021." Quindi mancano ancora due anni, ma tenendo conto che i mercati Orso possono avanzare in maniera incredibilmente veloce non mi stupirei se la cosa accadesse anche prima. Entro il 2021, la depressione sarà un elemento economico apparentemente permanente, e anche su jet più piccoli non sarà infrequente trovare file di posti vuoti.

alla prossima

P.S.

Anche se la pubblicità campeggia ormai sul sito vi ricordo il nostro Tour di maggio che toccherà Padova, Torino (Caselle torinese), Bologna e Milano. E’ un occasione per noi per conoscere da vicino i nostri lettori e per voi di conoscere o fare domande a noi redattori/collaboratori.I dettagli a questo link:

https://independentmedia.lpages.co/lombard-report-tour-2019-lombard/

Note:

La Bibbia delle Onde di Elliott è a questo link:

http://www.tradinglibrary.it/scheda-libro/frost-a-j-prechter-robert-r-jr/la-teoria-delle-onde-di-elliott-9788888253213-135907.html

La nomenclatura dei vari gradi d’onda è riportata sotto: le onde “cerchiate” della nomenclatura originale di Elliott sono rappresentate per una questione di praticità racchiuse tra parentesi quadre.

6 Commenti

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 3 giorni!

I commenti dei lettori

6 Commenti

  • Maurizio S.
    07 Mar 2019

    Gentile Sig. Frigieri, ho già visto il grafico da Lei postato il 17.5 dello scorso e mi è sufficiente. grazie di tutto. cordiali saluti
    Maurizio S

  • Maurizio S.
    07 Mar 2019

    Lei è molto gentile. se no Le scomoda nel prossimo focus preferisco ftse ormai aggiorno sistematicamente quello.

  • Virginio Frigieri
    07 Mar 2019

    non c'è di chè... mi dispiace solo che in queste finestre di dialogo non si può allegare nulla, altrimenti avrei postato anche il grafico aggiornato ad oggi. Magari in un prossimo focus Europa se non mi diventa troppo lungo rimetto anche l'SPMIB... o le interessa di più l'All share?
    Saluti

  • Maurizio S.
    07 Mar 2019

    grazie per la sollecita risposta. e la conferma di quanto avevo già visto dalla mia analisi. ma avere la conferma di un "luminare" delle onde è sempre un piacere.

  • Virginio Frigieri
    06 Mar 2019

    Signor Maurizio buonasera,
    io capisco e apprezzo l'amor di patria... ma i nostri due indici (SPMIB40 e FTSE all Share) viaggiano in un bel canalone orizzontale dal lontano 2009!...
    L'ultima volta che ho pubblicato un grafico dell'SPMIB40 è stato su European Zone di maggio 2017. Non potendo inserire dei link in queste finestre per le vostre risposte le metto l'indirizzo e si fara un copia/incolla a mano. L'articolo in questione è questo:
    https://www.lombardreport.com/2017/5/17/previsioni-di-borsa-8/

    Se lei guarda quel grafico di allora e ci aggiunge un paio di su e giù... stiamo sempre là..
    L'onda 2 di allora è riuscita a spingersi più in alto di dove si trovava allora, riuscendo a raggiungere la resistenza di 25.000 punti, l'alshare ha fatto anche due tentativi di rottura al rialzo che purtroppo sono falliti ed ora è cominciato un bell'1-2 ribassista che, appena gli indici più importanti prenderanno a scendere darà la stura a un'onda 3 di quelle che si ricordano. Questa volta sarà il supporto dei 12.000 e rotti punti ad trovarsi sotto attacco, non più la resistenza dei 25.000 punti. Se il supporto, come è probabile, cederà... il nostro malato terminale, si avvierà a degna sepoltura. Amen. A stasera più di questo non riesco a vedere.
    Cordiali Saluti
    V.Frigieri

  • Maurizio S.
    06 Mar 2019

    ho letto con interesse il commento e i grafici, essendo un elliottiano ormai datato. ma manca un grafico elliottiano del nostro indice. capisco che sia di pochissima importanza a livello globale ma visto che siamo in italia mi aspetterei anche un'analisi del ftse. saluti

Lascia un commento