Analisi mercato MIBO al 19 gennaio

Venerdì scorso abbiamo avuto la scadenza di gennaio delle MIBO e a conti fatti abbiamo fatto bene ad uscire in anticipo dalle posizioni: avremmo guadagnato comunque - visto il settlement a 23662 - ma un pochino di meno rispetto a quanto guadagnato senza aspettare la scadenza.

Non si sono manifestate le condizioni per poter trasformare la posizione come da alternativa suggerita mercoledì, quindi l'unica scelta possibile era uscire e così abbiamo fatto.

La situazione al momento è delicata, per almeno tre ragioni.

1) sulle MIBO si evidenzia un contango di volatilità implicita (la volatilità sulle scadenze da marzo in poi è maggiore di quella sulle opzioni di febbraio), situazione anomala;

2) la volatilità sul mese front del resto è ancora molto bassa (circa il 12%) e non potrà andare avanti così ancora per molto;

3) il lockdown statunitense, in compenso, potrebbe generare instabilità violenta sui mercati nei prossimi tempi.

Gli USA sono sempre stati pragmatici nelle fasi di difficoltà e sono abbastanza sereno sul fatto che anche stavolta troveranno il modo di uscire da questa crisi, ma se c'è un momento in cui la prudenza sui mercati è d'obbligo penso proprio che sia questo!

Questa la situazione, comunque.

Difficile fare analisi tecnica in una situazione in cui l'emotività potrebbe prendere facilmente il sopravvento, almeno nel breve termine, quindi teniamo d'occhio i valori di supporto veramente importanti e il comportamento della volatilità implicita nei prossimi giorni: quello sarà il vero indicatore di cosa attendersi prossimamente.

Supporti importanti di medio su FTSE Mib indice sono 23133, quindi 22838 e 22705. Le opzioni put hanno elevati open interest a 22000 e 21000, mentre il grosso delle call è sullo strike 24000.

Vediamo che piega prende il mercato questa settimana: con un po' di fortuna avremo maggiore volatilità e livelli importanti di mercato da sfruttare.

Buon lavoro a tutti

Domenico Dall'Olio

Nessun commento

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento