Ma gli analisti tecnici vedono quello che vediamo noi ?

Speriamo in un bel triangolo simmetrico ovvero in una bella congestione laterale: la Borsa non può continuare a salire in questo modo. Se ci consentite siamo arrivati all’assurdo di augurarci che la Borsa scenda, meglio se poco, va bene anche se ritornasse a cavallo di 25.548. Se ce lo aveste chiesto mesi or sono vi avrei detto che solo una volta avevo visto un mercato come questo ed era tanto tanto tanto tempo fa quando Internet era ancora appannaggio di pochi e non serviva a fare trading. Anche stamattina è stato spettacolare: la Borsa ha provato a scendere con un gap down ma ha trovato subito compratori. Non sappiamo francamente che dire, ci sembra di vivere in un sogno. Gli altri analisti tecnici / commentatori del mercato / pennivendoli di Borsa vedono quello che vediamo noi ? Si rendono conto ? Abbiamo portato via il massimo dei massimi dal 2009 ad oggi e il prossimo obiettivo è sui massimi del 2006. Non ci dicono questo i manuali di analisi tecnica ? Se c’è una cosa che mi piace della finanza aziendale è che è operativa ovvero porta a delle decisioni, decisioni che a volte piacciono a volte non piacciono ma sono decisioni. Se io calcolo il fair price di una azienda, mi sottopongo alla tortura del calcolo dei cash flow e poi dopo aver ottenuto il frutto della mia fatica non lo uso che lo calcolo a fare ? La stessa cosa dell’analisi tecnica: se io calcolo ogni giorno trendline, supporti e resistente e poi arrivo ad  una conclusione e la nego che serve l’analisi tecnica ? Se c’è una ragione per cui il fondatore di questo umilissimo foglio sta sui coglioni all’intera industria è proprio per questo: vedo, decido, prendo una direzione del mercato. Il 99% dell’industria frulla il fumo nell’aria: resistenza qui, supporto qui, se rompe questa resistenza allora va là, ma se tagliano i tassi va su, e se non tagliano i tassi va su, o viceversa, e se questo e se quell’altro. Alla fine penso che tutti abbiamo letto gli stessi sacri testi ma il nostro io li ha filtrati in modo diverso e alla fine, come sempre, il carattere gioca la sua parte. Se hai carattere decidi, anzi ti piace decidere perché è per questo che i lettori ti pagano. Vogliono che tu prenda una direzione anzi si divertono a scommettere se ci azzecchi oppure no, rispettano, ecco la parola giusta, chi decide poi lo criticano e lo cospargono di guano quando sbaglia e ci sta tutto ma anche il peggiore dei tuoi detrattori ti rispetta perché tu fai quello che lui non sa fare: decidere, nel bene o nel male, tu sai tirare il grilletto, altro che resistenza statica e supporto dinamico.

Facciamo un passo in avanti, mostriamo un grafico del Ftse All Share che nessuno mostra mai con il Sequential di Demark, time frame mensile: notate che ad ogni box con bordi lilla o azzurri (SetUp) corrisponde una reazione (piccola) nella direzione opposta mentre ad ogni conteggio di 13 (ne esiste solo uno, segnalato a suo tempo sul nostro sito, nel settembre 2011 che è il minimo assoluto degli ultimi quasi 20 anni) esiste un movimento (grande) in direzione opposta (de facto il Sequential ha indovinato il minimo del mercato). Ora so che quasi nessuno dei miei lettori si fida di questa analisi benché io da circa 20 anni li tenga costantemente aggiornati sui diversi conteggi (e costantemente i lettori perdono un pezzo importante di informazione ma capisco che la fede nel Sequential è un dono e non una pratica corrente):

Noi seguiamo il Sequential pedissequamente quando è confortato dall’analisi grafica. E noi in base a questi input abbiamo tirato il grilletto: su, secca e brutale, ecco la direzione della nostra Borsa. Con un mare di conseguenze. Ad esempio un nostro lettore puntuto assai ricordava che gli industriali del nostro indice blue chips  sono ormai arrivati, che Eni pesa il 22% del controvalore e che diciamo è una vecchia balena, il resto sono assicurazioni e bancari. Gli assicurativi sono tradizionalmente sottovalutati ma se vogliamo che l’Indice Ftse Mib 40 arrivi sui massimi del 2006  sarà il recupero anzi con la maiuscola alla Pansa il Grande Recupero dei tioli bancari e sostenere il listino. Che questo sia fondamentalmente possibile o non possibile non è il caso di rispondere perché non è il mio mestiere. Sarà quel che sarà perché non avevamo letto a pagina del Murphy che l’analisi tecnica e i prezzi scontano tutto e se ci sono informazioni disponibili quelle sono già incorporate nei prezzi ? Quindi se i prezzi aumentano vuole dire che il mercato sta scommettendo proprio su quella direzione e su quella ipotesi ? Lo scopriremo … non è forse lo sbagliarsi o l’azzeccarci  il bello di prendere una decisione ?

Nessun commento

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento