Volkswagen ci farà un regalo?

In attesa di fare il consueto punto sul portafoglio, e in attesa di prendere una decisione in merito al buy su azionario del quale discutiamo da qualche tempo, godiamoci un attimo un piccolo potenziale successo su un certificato che abbiamo in portafoglio da tempo e che potrebbe darci delle belle soddisfazioni.

Parliamo del certificato Aletti - Volkswagen 191,65 (IT0004968761), con sottostante l’azione dell’azienda tedesca Volkswagen e che abbiamo inserito in portafoglio in tempi non sospetti con rendimento minimo garantito, avendo comprato a 98,15 per un rimborso certo (ipotesi minima) a 100, poiché il certificato in questione è a capitale totalmente protetto.

Ebbene, quando lanciammo il buy il titolo VW era ben distante dallo strike, che avrebbe fatto scattare una succulenta cedola del 5,25%, e pareva quasi una “scommessa” persa quella di puntare ad un rendimento superiore al minimo garantito. Invece, complice il buon periodo estremamente favorevole alle Borse, l’azione Volkswagen – il cui certificato ha strike a 191,65 – è salita costantemente, per arrivare a toccare lo strike in intraday proprio ieri, e gravitando oggi a prezzi per nulla distanti.

Ora il certificato viaggia in area 100,50 ma è ragionevole attendersi che se il titolo VW dovesse portarsi con convinzione oltre 191,65 lo vedremo amplificare la salita dell’azione. E questo, in prospettiva farebbe diventare via via più concreta la possibilità di ricevere il “regalo” della cedola al 5,25%. Per carità, vero che la rilevazione dello strike e prevista a novembre 2018 e può ancora succedere di tutto, ma intanto ora siamo nella gradevole condizione di poter seguire l’andamento dell’azione VW sottostante che presenta comunque una buona intonazione e finchè le Borse saranno “collaborative” potremo ad un certo punto anche pensare di portare comunque a casa l’extra-utile se il titolo prendesse una brutta piega.

Nessun commento

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento

Gli ultimi articoli di Redazione Rischio Contenuto