Fine Foods


 Fine Foods, vecchia conoscenza del LombardReport.com torna alla ribalta.

Eravamo entrati anni fa su Innova Italy 1 che, come SPAC, aveva  acquisito Fine Foods Pharmaceuticals dopo una lunghissima estenuante attesa, dovuta anche a tragici motivi (decesso di un consigliere di Innova prima della firma del contratto).

Leader italiano negli integratori alimentari e con una forte componente di lavoro farmaceutico per conto terzi Fine Foods doveva esplodere. Invece la situazione tecnica che caratterizzava l'azione l'ha bloccato. Una valanga di gestioni era infatti entrata su Innova. Aveva incassato il warrant gratuito e cercava di vendere le azioni su AIM. Il mercato AIM è però poco ricettivo e la crisi primaverile ha frenato tutto, con l'azione ripiombata sotto 10 euro da quasi 12. Le gestioni non volevano perdere ed hanno innaffiato il mercato attorno a quota 10 euro (prezzo di carico ex-warrant) per molti mesi. Le gestioni uscivano in utile grazie al warrant ma impedivano con le vendite a 10 euro (circa) che Fine Foods salisse. Tutto questo nonostante che Fine Foods fosse da parecchi mesi nella ridotta lista di Akros come top pick italiano ed avesse un target di 12,90 euro.

Da ieri le cose sono forse cambiate. Fine Foods ha comunicato di avere comperato Pharmatek una società cremonese che si integra con Fine Foods. E' stata pagata a livelli interessanti: il multiplo EV/Ebitda è risultato attorno a 5,2.Prezzo 17,2 milioni.

Fine Foods è piena di liquidità derivante dalla SPAC. Per ora ha in atto un fortissimo buy back. Fine Foods quasi giornalmente acquista i suoi titoli. Lo considerano il miglior investimento. Finora ha rastrellato 759.053 azioni pari al 3,22% del capitale. Ma la potenza di fuoco è solo all'inizio. Per Akros nel report di oggi, Fine Foods avrà cash per 38 milioni a fine anno e capitalizza 233 milioni. 

Banca Akros ha poi analizzato l'acquisto di Pharmatek

e stamane ha elevato ancor più il target di Fine Foods portandolo da 12,9 euro a 14 euro. Prevedono un utile che salirà da 6 milioni (2019) a 9 milioni(2020) per toccare il prossimo anno 14 milioni. Il p/e scenderà a 16,2 il prossimo anno mentre saliranno l'utile per azione e il dividendo 2020 rispetto al 2019. Da questa analisi il buy di Akros.

Aggiungiamo:

1)Fine Foods ha dichiarato di passare velocemente su MTA lasciando finalmente AIM, che non viene molto seguito dai gestori.. Questo darà lustro al titolo che verrà riscoperto da molte gestioni. Finiranno perciò le vendite attorno a 10 euro che hanno caratterizzato l'azione per mesi.

2)l'incremento di fatturato da 160 milioni (2019) a 176 milioni (2020) e a 216 milioni (2021) sposterà l'attenzione su questo valore

3)tornerà d'attualità il warrant scadente nell'ottobre 2023 (quindi per fortuna tra TRE anni) che quota 1,30 euro. Chiaramente se l'azione andasse a 14 euro il warrant si triplicherebbe. Quanto appena scritto sopra non è corretto perchè con l'azione a 13 scatterebbe la conversione in azioni del regolamento per "accelerazione", ma mostra lo spettacoloso effetto leva del wararnt. Con l'azione che sale del 30% il warrant volerebbe attorno a 3. Il warrant d'altronde ad inizio anno con l'azione a 12 valeva oltre 2,50.....

4)per onestà vi ricordiamo che abbiamo ancora nel miniportafoglio del LombardReport.com un pugno di warrant ricevuti ai tempi di Innova Italy che non vendiamo ovviamente. Abbiamo anche un minipugno di azioni per andare in assemblea. Quanto sopra per onestà intellettuale e perchè sappiate che siamo interessati a questa riscoperta.

5) Graficamente l'azione va presa al superamento deciso di 10 euro. Oppure chi la prende ora sotto 10 o attorno a 10  deve vedere quando finirà lo stillicidio di vendite. Poi oltre 12 il buy diventerà uno strong buy....Tra riscoperta dei gestori e maxi buy back in corso la ricerca dei titoli avrà finalmente il sopravvento.

6)Chiudiamo con la frase di Akros "the stock at the current price is an interesting BUY opportunity". Approviamo in quanto l'attività su integratori alimentari e prodotti farmaceutici per terzi passa indenne dalle crisi gravi in questo periodo. Proprio la cura del proprio corpo ed il suo rafforzamento è una delle poche scelte personali  che non hanno crisi.

(L'autore del presente articolo non è iscritto all'ordine dei giornalisti e potrebbe detenere i titoli oggetto dei suoi articoli)

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 3 giorni!