Rating confermato e FASE 2 rassicurano i mercati.


Inizio di settimana in gran sprint per Piazza Affari, che termina la seduta in guadagno con il FTSEMib (+3,09%) a 17.380 punti. Gli indici delle principali Piazze del Vecchio Continente terminano anch’essi in territorio positivo, con la sola Germinia (DAX:+3,13%) a far leggermente meglio del nostro listino. 

Ora il Bel Paese ha già lo sguardo sulla prossima settimana e sull’inizio della tanto attesa FASE 2, annunciata ieri dal premier Giuseppe Conte. Dal 4 maggio infatti il comparto manifattura, costruzioni e commercio all’ingrosso potrà riprendere l’attività. Il 18 maggio poi ripartiranno negozi, musei, biblioteche e allenamenti sportivi; l’1 giugno ristorazione ed estetica.

Il rating di Standard & Poor’s sul debito sovrano dell’Italia, tanto atteso dai mercati e dal Tesoro, è rimasto invariato. Viene confermato difatti “BBB”, mentre l’outlook resta confermato a “Negativo”. Sono quindi smarcate, per il momento, le tensioni sui BTp con il giudizio che rimane due gradini al di sopra del territorio speculativo (“junk”).

La seduta del nostro listino mette in evidenza i rialzi dei titoli bancari, con UNICREDIT (+4,20%) a 6,96, BANCO BPM (+3,30%) a 1,097 e infine il deciso rialzo di INTESA SAN PAOLO  (+3,82%) a 1,39, riunitasi oggi per ad approvare il bilancio 2019 e confermare l’aumento di capitale nell’ottica dell’OPS su UBI Banca.

Nel complesso un’ottima giornata per molti titoli del nostro listino di riferimento, che oggi hanno potuto riprendere un po’ a brillare. Non è così, invece, per il settore petrolifero, dopo il nuovo ribasso subìto dal prezzo del greggio. 

In particolare ENI riesce comunque a grattare un rialzo del 1,87% a 4,40, sulla scia della conferma da parte dell’amministratore delegato Claudio Descalzi di investimenti complessivi per 20 miliardi di euro nei prossimi quattro anni in Italia. 

Ma a beneficiare dell’ultimo scivolone del prezzo del greggio sembra essere ancora D’AMICO INT. SHIPPING, che balza del +9,84% a 0,12 sulle attese di un aumento dei noli per il trasporto del petrolio.

Infine DIASORIN (+2,64%) a 166,90 è intenta a riagganciare i propri massimi di 171,50, dopo la notizia di aver ricevuto l'Emergency Use Authorization dalla Food and Drug Administration americana per il test LIAISON SARS CoV-2 S1/S2 IgG.

PORTAFOGLIO LOMBARD REPORT

I tre titoli presenti in portafoglio Lombard terminano tutti in territorio positivo, con la variazione più bassa che si aggira intorno al +2,50% e quella più alta al +4,50%.

Nessun commento

Non accontentarti solo degli articoli Free!

Registrati gratuitamente e avrai accesso senza limitazioni ai servizi premium per 3 giorni!

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento