Nel Paese delle Meraviglie...


Ci troviamo nella situazione di Alice nel Paese delle Meraviglie, dove tutto sembra surreale. Ricordate la storia? Una ragazzina, sognando di seguire un coniglio, cade improvvisamente in un mondo fantastico e di nonsensi, in cui si diventa grandi e piccoli all'improvviso. Un mondo in cui basta aprire gli occhi per tornare alla sbiadita realtà priva di fantasia e tipica delle persone adulte. Cosa c'entra tutto questo con noi? Quando Alice arriva ad un bivio incontra un animale a cui chiede quale sia la strada da prendere. Dopo averle chiesto dove volesse andare, le risponde che se non lo si sa allora la domanda è priva di importanza. E forse anche noi ci troviamo in una situazione simile. Personalmente dico che c'è sempre tempo per farsi delle domande ed altrettanto tempo per darsi delle inutili risposte.

Il mese di ottobre si è concluso con un rialzo, l'ennesimo, alla faccia dei ribassi che solitamente avvengono in questo periodo, proprio come il famoso detto "sell in may and go away" che quest'anno è stato fondamentalmente disatteso. Sono così andato alla ricerca di una vecchia statistica. Dal 1950 ad oggi ho preso tutti gli anni in cui in USA il Dow Jones è arrivato a segnare una performance superiore al 15% dal primo giorno di gennaio al 31 di ottobre. Ebbene, nel 100% dei casi, quando questo si è verificato, nei due mesi successivi (novembre e dicembre) c'è stato un rialzo che mediamente è stato del 5.55%. In altri termini: in TUTTI gli anni in cui il mercato (DJ) è arrivato al 31 Ottobre con un rialzo di almeno 15 punti percentuali, l'anno si è poi concluso con un ulteriore rialzo del 5% abbondante nei due mesi successivi. Allora ci si tuffa a comprare? NO ! Tornando alla nostra bella Alice, quando si chiede "per quanto tempo è per sempre" il Bianconiglio le risponde "a volte solo un secondo". L'importante è che venga ben speso aggiungo io. A parte questi sofismi, il punto è un altro. Nel Paese delle Meraviglie le cose funzionano in modo differente, ma questo non significa che siano sbagliate.

Semplicemente esistono delle regole diverse per le quali la statistica diventa fallace o con probabilità diverse se preferite.

In fisica ad esempio sappiamo che nulla può viaggiare ad una velocità superiore a quella della luce (circa 300 mila km al secondo). Ma è la stessa fisica a smentire quanto appena scritto. Un esperimento che mi affascina è quello dell'entanglement: delle particelle che sono state vicine per pochi secondi vengono separate e portate in due rilevatori che costringono le particelle stesse a collassare in uno stato. Così facendo possiamo chiedere alle particelle delle informazioni (com'è il tuo spin? up o down?). La cosa incredibile è che quando noi chiediamo informazioni ad una particella facendola collassare, collassa anche l'altra. Questo significa che "perturbando" una particella anche l'altra ne sente l'influenza senza esserne in diretto contatto. E la cosa strabiliante è che il processo di trasmissione di questa informazione è istantaneo indipendentemente dalla distanza. In palese contrasto quindi con la teoria della relatività secondo cui nulla può viaggiare oltre i 300000 km al secondo (la luce). Se ho due elettroni che ruotano attorno ad un atomo (con spin opposti: uno up e l'altro down) e li porto a migliaia di km di distanza ed improvvisamente cambio uno spin (da up a down), l'altro elettrone farà la stessa cosa istantaneamente. Ed anche noi siamo fatti di atomi ed elettroni e quindi mi domando cosa capita nei rapporti interpersonali.

Pensate che alcuni di questi principi vengono utilizzati anche nel nostro ambito, con la elaborazione di computer quantistici che non operano secondo la logica binaria 0-1 dei nostri hardware, ma sono 0 ed 1 contemporaneamente ed hanno una velocità un miliardo di volte superiore ai nostri pc. Magari approfondirò in un articolo specifico nei prossimi mesi.

Tutto questo è solo per dire che anche in finanza in questo periodo viviamo in un mondo "meraviglioso" in cui i tassi di interesse sono negativi su scadenze anche abbastanza lunghe e quindi molti modelli matematici e molte statistiche vengono clamorosamente smentite dall'evidenza dei fatti. Pensate ad esempio che ci sono posti del nord europa in cui si viene pagati all'atto di richiesta di mutuo. Abbiamo bisogno di 100 mila euro e ne dovremo restituire 99500. E' il caso della Danimarca, ad esempio, con  Nordea Bank e Jyske Bank. Ma visto che le meraviglie racchiudono anche degli incubi, ecco che i tassi negativi danneggiano o rischiano di danneggiare gli stessi correntisti e nel lungo anche le banche. 

E naturalmente nel Belpaese delle Meraviglie troviamo anche gli unicorni che si schiantano (vedi Bio-on e le varie carte bollate della Procura di Bologna e quella grande scommessa https://www.lombardreport.com/2019/7/27/la-grande-scommessa-per-un-miliardo-di-euro/ ), le OPA non al rialzo ma al ribasso (Gamenet), etc...Apro una parentesi: il Codacons ha già avviato l'iter da seguire per eventuali rimborsi (a mio avviso improbabili ed irrisori).

Sotto trovate la statistica di cui ho parlato all'inizio. Ricordo che negli Stati Uniti si usa mettere prima il mese, poi il giorno ed infine l'anno, a differenza dell' Europa in cui si scrive prima il giorno, poi il mese e per ultimo l'anno.

INDICE DOW JONES

Avendone parlato precedentemente, procedo ad una veloce analisi. Sembra si stia per preparare l'ennesima rottura dei massimi storici a 27400 punti dopo un periodo di consolidamento con swings settimanali di tutto rispetto ed evidenziati dalle barre di volatilità delle candele. Gli oscillatori si stanno dirigendo verso l'area di ipercomprato che però come ben sapete va tarata a seconda del trend in corso. Attualmente siamo in area 70 per quanto riguarda l'indice di forza relativa. L'importante comunque è non abbassare mai la guardia per evitare di essere colti impreparati a ribassi come quello di fine Luglio che però ex post si presentano come normali "vuoti d'aria" o periodi di consolidamento. 

INDICE FTSEMIB40 weekly ed orario

Il nostro indice principale si è portato velocemente a ridosso dei 23000 punti indicati nel mio articolo della settimana passata. Per esattezza 50 punti sotto. Del resto la compressione di volatilità era tale che difficilmente avrebbe potuto invertire la rotta, anche se non mi stupisco mai di niente, anzi. Ho deciso di utilizzare un grafico settimanale che possa meglio esprimere gli eventuali target di medio termine (4-8 settimane): 23900 punti e 24500. Naturalmente mi aspetto comunque che ci siano delle prese di profitto momentanee che però potrebbero essere riassorbite velocemente, un pò come è capitato questa settimana nel grafico orario in basso a destra. Come potete notare il test dei 22780 punti ha portato ad un repentito selloff salvo poi tornare allo stesso punto di partenza e riprendere la salita. Ora i 22780 possono essere considerati un discreto supporto per la settimana entrante.

Il mercato non è assolutamente facile in questo momento, in virtù del fatto che ad occhio ci sono solo software che come tali non pensano, non ragionano, sono privi di emozioni e sono quindi stupidamente ripetitivi. Faccio subito un esempio. In settimana come ben sapete c'è stato l'annuncio del matrimonio tra Fiat e Peugeot. Ebbene, alla notizia il titolo Fiat ha avuto un gap up del 10%. La sera stessa (mercoledì) si è riunito il cda di Peugeot per approvare la fusione (mi domando se non lo sapessero già: si riunisce secondo voi un cda straordinario e si approva una cosa di questo tipo in due o tre ore?). Ad ogni modo al via libera del merging il giorno successivo Fiat ha aperto nuovamente con un ulteriore gap up del 9% circa. Praticamente lo stesso del giorno prima. Potrei farvi altri esempi ma non sto a tediarvi più di tanto. 

Vediamo ora qualche titolo da avere sempre in watchlist.

A2A

Più volte segnalata negli articoli passati (https://www.lombardreport.com/2019/9/24/le-utilities-ci-riprovano/), l'azione ha rotto resistenze molto forti, facendo segnare massimi molto importanti. Il breakout c'è stato ed è evidente visto che è avvenuto con volumi "degni di nota". Dovrebbe proseguire nelle prossime settimane, ma è importante che sul daily si stabilizzi. Attenzione alla tenuta di area 1.745/1.75. Non entrerei alla garibaldina ora come ora.

EL.EN.

Già segnalata più volte in tempi non sospetti ma all'inizio del movimento ( https://www.lombardreport.com/2019/9/12/b-el-en-alza-la-guidance-ma-noi-l-abbiamo-vista-sabato-scorso/ ), il titolo ha continuato la sua corsa ed allo stato attuale sta formando una congestione poco sopra i 25 euro. Dovrebbe trovare la forza per andare a rompere, provandoci almeno una volta, i 25.90 euro. Molto bassa la volatilità  e congestione sui massimi sono sempre buoni segnali.

Fiera Milano

Gli swings di questa azione sono sempre molto accentuati e nell'ordine del 10/15% nell'ultimo periodo. Forza e debolezza si alternano a vicenda. Attualmente siamo in fase ribassista di breve, con un pullback e retest di area 4.30 con possibile estensione verso i 4.15/4.20. Molto interessante il triplo massimo a 4.65 che, se rotto, può portare verso i 4.90 euro.

Rai Way

Rotto il massimo storico in area 5.60. Volumi non entusiasmanti.

Ricordo che la prossima ottava le seguenti società pubblicheranno i dati (fonte: Borsa Italiana)


Ad maiora!

PNA

(L'autore del presente articolo non è iscritto all'ordine dei giornalisti e potrebbe detenere i titoli oggetto dei suoi articoli)

Nessun commento

I commenti dei lettori

Non ci sono commenti per questo articolo. Vuole essere il primo a commentarlo?

Lascia un commento